Posts Tagged ‘“luca guido”’

Parco a tema della resistenza a Mleeta (Beirut)

giugno 6, 2011

Una nuova forma di monumento? Contemporaneità portata all’ eccesso? Profanazione della sacralità della memoria?

Sarebbe troppo semplice pensare che gli ideatori del Landmark turistico della Resistenza araba a Mleeta non si siano posti alcuni quesiti specifici nell’ elaborare il progetto che presentiamo.

Dal sito internet ufficiale riportiamo la seguente descrizione di questo particolarissimo progetto:

“Essendo il primo del suo genere, questo luogo indaga la memoria di una fase della storia del Libano. Questo è un museo naturale, circondato dalla natura affascinante e dalle montagne. Il suo scopo è quello di preservare i luoghi in cui vivevano i Mujahideen, dando alle persone la possibilità di conoscere lo stile di vita e l’esperienza unica della resistenza islamica contro il nemico israeliano, dal momento dell’ occupazione di Beirut nel 1982. Questo monumento, punto di riferimento di Mleeta, contribuisce al rafforzamento del movimento turistico nel sud del Libano, favorendo la cooperazione tra le città e i villaggi del sud che sono stati oscurati dalla mappa politica, sia a causa di negligenza cronica che dell’ occupazione dei territori”.

Non si tratta dunque di un monumento semplicemente per celebrare e/o per ricordare. Il tentativo è più ampio e a tratti meno prosaico: questo parco a tema/ landmark è anche un museo della propaganda per raccontare una storia alternativa, per parlare di Hezbollah dal punto di vista arabo. E’ un monumento ad una morale capace di scardinare la dottrina della “deterrenza” imposta dalla legge del più forte.

Inoltre nelle intenzioni degli autori vi era l’ idea di fornire al territorio una vera e propria attrazione turistica.

Le implicazioni di tali scelte potrebbero essere discusse a lungo, per ora ci soffermiamo su un elemento che ha particolarmente attratto la nostra attenzione, ovvero l’ utilizzo a fini espositivi –e non solo- delle armi.

Se negli intenti della realizzazione si trova una rivendicazione politica,  l’ impiego di elmetti, munizioni, fucili, sacchi di sabbia, maschere antigas, barelle, bombe, e artiglieria di vario tipo come elementi che partecipano attivamente alla creazione degli spazi e dei percorsi rende evidente tutto il dramma della guerra.

Armi dunque utilizzate in maniera non retorica come al contrario avviene in molti monumenti che si vedono nelle nostre piazze in cui i cannoni vengono esposti ad imperitura memoria di gloriosi e virili eroi da celebrare senza interrogarsi sull’ orrore e sulla violenza della battaglia, sulle paure e la miseria della condizione umana.

La scelta specifica di non esporre solamente armi a lungo raggio –che dal punto di vista psicologico liberano l’ uomo dagli istinti personali aggressivi e/o assassini- ribadisce il discorso portando l’ attenzione del visitatore non solo alla disparità di mezzi ma anche alla precaria condizione del soldato che deve difendersi “personalmente”.

Per tale motivo il percorso è progettato per portare il visitatore nei nascondigli sotterranei dei combattenti libanesi e il paesaggio è stato plasmato per evidenziare tutte le sue asperità oltre che per simulare le condizioni di vita spartane dei combattenti.

Il luogo centrale del grande parco-monumento è tuttavia “The Abyss”, il grande vuoto caratterizzato da una lunga rampa circolare dalla quale si osservano i relitti della guerra e dell’ odio: il tutto è rappresentato come un’ esplosione cristallizzata che sembra investire sia i visitatori sia gli edifici circostanti.

Non importa che i cannoni e i carri armati che sprofondano nella terra che una volta era la base di Hezbollah siano israeliani. L’ importante è che affondino “in the abyss” portandosi via tutte le armi, nella speranza, un giorno, che il mondo non abbia né muri né confini.

Annunci

Surfing Complexity- The work of Marcello Guido

aprile 21, 2011

The line dominates the volume and activates the plains. The line, traced in the void or around the edge, effectively writes architecture. This is what fascinates me most, and I’m drawn to it because nothing in architecture is more difficult than to submit both the volume and the surfaces to the line. It’s fair to say that in this architectural exercise, Marcello Guido stands alone, totally alone. (Claude Parent)

Guido’s complex, angular, shifting vocabulary of the incomplete has no grid, no primary order, so it has allowed a tentative assembly of elements set where required for one reason or another. (Peter Blundell Jones)

Guido’s architecture appears as an un-finished piece of work, as an open investigation that discourages any preconceived answer, and it often appears disquieting for this very reason […]  There is nothing in Piazza Toscano, in that perplexed architecture, that hints to the new man, or to the humanity of the future. The reference is to another kind of man, another kind of humanity that sleeps in hiding among the ignored possibilities of the present. In short, the square is not conceived for parking cars, but for welcoming neighborhood associations, where the local dialect resonates, filled with words that come from Greek and Latin. (Franco Piperno)

Facades, sections and plans collapses upon each other. Lines drawing invade the nearby space, hooking it and dragging it toward himself. Abstract views join togheter, and so it is impossible to find the subject. An architectural detail appears to the centre of a plan, so it looks like a piece of a huge structure. Lines are ferociously manipulated, color patterns shade off into sky, then into a glass wall, in the end an earthwork merges itself with a remote facade. Sections get independence from other draw from other drawings: they mirror each other, they overlap each other, they give too much information. Erasures and cleanings become instrument to explore the form. (Emmanuele Jonathan Pilia)

———————————————————————

Surfing Complexity- The work of Marcello Guido

Edited by Luca Guido | Marcello Guido

Texts by Alexander Aguilar | Manuel Yanuario Arriola | Peter Blundell Jones | Boris Brollo | Paolo Vincenzo Genovese | Luca Guido | Claude Parent | Emmanuele Jonathan Pilia | Franco Piperno | Carlos Villagomez

Ed. Libria, Melfi, 2011

Introduction (Back to the critic)

This book, that shares the destiny of many publications, is born as a witness.  It is the witnessing of a work that started more than 30 years ago, at the end of the ‘70s. It has been long time since Bruno Zevi and Sergio Musmeci were commenting the work of a young architect, who was then 26, presented at the competition Einstein’s space-time and the architectural process.  That competition, organized by the Department of Architecture of the University of Rome for the centennial of Albert Einstein birth, was the first step of a research, uninterrupted since then. The first prize was won by Reima Pietilä,  ex aequo with Luigi Pellegrin.  The second prize was won by Marcello Guido, together with others of equal merits. In the debate organized in October 1979, Sergio Musmeci, regarding the project presented by Guido asserted: “[…] Guido’s project may seem limited especially if it observed in the draft; however, if you look carefully at it, you will see that there are some overlapping and reversed sections.  This is the most interesting part.  The project clearly hints at a spatial wealth based, above all, on a kind of explosion of the traditional space, with fragments scattered all over around […].  He proposes, especially, to imagine living inside these spaces.  If we live inside them, we cannot forego a space conception that brings us close to a kind of relativism.  There are no centers, no privileged points, no privileged plans, nor are there any privileged directions.  The project’s value resides in the clear assumption that some facts lead to relativity.  It may be difficult to draw a conclusion; perhaps, from this point of view it can be seen that a definite compositional strength belongs to the hand of this architect, beyond the space representation.  Here the Einstein’s space is represented together with his poetics over it, being this probably its highest value”. (1) It is a synthetic evaluation that however reveals to us a deep critical understanding of Marcello Guido’s essential work.  It is, as well, a reading key that even today is rich with indications. In that occasion, Zevi pronounced a few clever and concise observations, informing us that in Guido’s project “there are no elements of expressionism; there is indeed an expanding space, very fragmented; let’s just look at the layout […] it is very refined”. (2) Despite the fact that the intentions of the architect, according to his saying, are in the wake of the expressionist research, it should be noted that this event is at the origin of some critical success in the milieu of the Roman architects that were Zevi’s students.  As matter of fact, the chance offered by that competition was, in some way, unique and very meaningful.  Zevi himself, some years later, underlined this by evoking the episode in the pages of L’Espresso. (3) Later, in 1997, Marcello Guido’s work was inserted in Zevi’s book Storia e Controstoria dell’Architettura in Italia (4) and, in 1998, in the book, also by Zevi,  Linguaggi dell’Architettura Contemporanea (5). However, the quotations in these books did not bring to Guido a real and shared critical success and nor, up to the present, a proven professional success.  Because of this, he has become indifferent to the communications anxieties, the expectations of success, the advertisements’ obsessions/ostentations. We must add another observation.   The marginalization that I am mentioning is also the result of a precise and intentional choice, induced by Zevi himself:  the advice to move away from the university and, even more, the suggestion, not put in practice, of not getting his doctorate was probably presenting, for the young Guido, broader and brighter horizons than those offered by the provincial environment of Calabria. Going back to critical literature, the work by Cesare De Sessa, Guido’s friend orbiting in Zevi’s circle, has been unique as much precious.  He followed the project’s course of Marcello Guido since the beginning, that is since the Temporization of the Maxentius’s Basilica (6).  He has also reviewed a number of works; above all he has investigated the language and thought in rapport with the contemporary time and with modernity in architecture. The first monographic work about Marcello Guido (7), published as a catalogue for an exhibit at the Sala 1 Gallery in Rome, in 1999 was also done by De Sessa.  To him is also due the collection of all the critical presentations on Guido’s architectures that had been published on the pages of L’Architettura, cronache e storia (8), the only magazine that reviewed all Guido’s works, until it ended its publication. De Sessa’s work, that was for long time as a single voice, in 2008 has received a critical verification with the pocket book by the publisher Mancosu (9) in which appeared the interesting essay by Laura Thermes on the expressivity of Marcello Guido’s architectures and interview conducted by Giovanni Damiani.  Other publications in books and magazines, although of good quality, practically can be counted with the fingers of one hand (10).  Even the participations of Guido at events in which he was involved were very limited, although quite prestigious:  the prize at the competition and conference Paesaggistica e linguaggio grado zero (Landscaping and zero degree in Architecture) (11) in Modena, organized by Bruno Zevi, the exhibit, within the show Dal futurismo al futuro possibile (From Futurism to the possible future) by Franco Purini and Livio Sacchi at the Tokyo Design Centre (12), the winning of a prize Daedalus-Minos (13)  in 2001, the invitation to the XVI BAQ Biennale Panamericana di Quito (XVIth Pan-American Biennial of Quito) in 2008 and, lastly, the series of lectures held in Guatemala in 2009. This book is then born as a witnessing, with the hope that it can present, in an orderly way, a work that is still unknown to many. For this reason, this introduction must be interpreted simply as a sort of a reasoned bibliography that is supporting the photographic material, the critical texts and the drawings that animate the book along autonomous and independent paths.  Having cleared this aspect, the book could however risk of being considered as the result of a partially autobiographic and self-celebratory vision. Let’s say right now that if this is the way it appears, it was not intentional. Our intention is, on the contrary, to receive further stimuli from those who will want to criticize and analyze the works presented in these pages. A warning is, however, dutiful.  Every project must be understood as a contribution placed within a broader research.  This book intends to prove exactly this finality. At the same time, we hope that we will be able to provide some incentives to others and raise some desire for proposals in those who, by chance or by choice, will run into these pages. We are completely aware of the limits of the detailed architectures and of the context in which they were born.  It is also because of this, that the book is addressed only to a few persons. There is no intention of advertising.  All the works developed in the course of a life entirely dedicated to work and research denounce, on our opinion, just the opposite: the distance from fashion and common places, from easy exhibitionism and groups of power. It is a work mostly done in loneliness, both practically and intellectually, and because of this we do not believe the easy advertisements that are possible for others. At the same time, we think that a disciplinary strictness, a love for history, an attempt to abstract the thought in architecture, so exasperated that at times it looks subversive, are emerging. The reader is not therefore pressed to “share” something, or to approve.  Rather he is simply pressed “not to ask the word that squares out every side” (14), not to search for resolution formulae.

[1] Musmeci S. , L’ Architettura, cronache e storia, n. 290, 1979; p. 707

[2] Zevi B., ibidem, p. 709

[3] Zevi B., L’ Espresso, n. 30 anno XL  29 Luglio 1994

[4] Zevi B., Storia e Controstoria dell’ Architettura in Italia, Newton, Roma, 1997, pp. 602-607, 728

[5] Zevi B., Linguaggi dell’ Architettura Contemporanea, Etas libri, Milano, 1998, p. 111

[6] De Sessa C., Le radici storiche del Movimento Moderno, Plotino e l’ architettura, Universale Architettura,  Dedalo, Bari, 1984.

[7] De Sessa C., Marcello Guido. L’impegno nella trasgressione, CLEAN, Napoli 1999, p. 15.

[8] See bibliography

[9] AA.VV., Espressioni contemporanee, Marcello Guido, Gruppo Mancosu Editore, Roma 2007,

[10] See bibliography

[11] Cfr. Zevi B., Paesaggistica e linguaggio grado zero dell’architettura, Canal & Stamperia, Venezia, 1999.

[12] Cfr.  Purini F., Sacchi L., Dal futurismo al futuro possibile nell’ architettura italiana contemporanea, Skira, Milano, 2002

[13] Cfr. Battaglia S., Gabbiani M., Catalogo Premio Internazionale Dedalo/Minosse alla committenza di architettura, L’ Arca Edizioni, Milano, 2002

[14] Montale E., “Non chiederci la parola…” in Ossi di Seppia, Mondadori, Milano, 2003

 

The Maunsell Sea Forts

gennaio 27, 2011

Le architetture militari hanno da sempre esercitato grande fascino. I più grandi architetti si sono cimentati nella progettazione di opere atte alla difesa del territorio e delle città. Da Michelangelo a Sanmicheli.  E’ strano come un assurda sfortuna storiografica circondi queste opere che trasmettono un fascino estremo e dirompente. Lo storico Charles de Tolnay ha portato alla ribalta della critica le affascinanti visioni michelangiolesche per le fortificazioni fiorentine. Una mente raffinata come Paul Virilio ha invece posto all’ attenzione della critica gli spazi brutali(sti) invasi da squarci di luce dei bunker della costa atlantica nel suo libro Bunker Archeologie.

Qui sopra potete ammirare un’ immagine dei Maunsell Sea Forts. Si tratta di piccole piattaforme su pali collocate nell’ estuario del Tamigi e del Mersey costruite durante la seconda guerra mondiale a difesa del Regno Unito. Il loro nome ricorda quello del progettista, Guy Maunsell, ingegnere inglese di origini indiane.  Su queste fortificazioni nacque il Principato di Sealand, esperienza che richiama idealmente quella di Isola delle Rose, e dai piccoli fortini nacque anche una radio pirata.

Partita a scacchi. Thinking Duchamp

gennaio 27, 2011

Julian Wasser – Marcel Duchamp and Eve Babitz, 1963

The Hollywood Tower: Rem Koolhaas e Russ Meyer

dicembre 2, 2010

Rem Koolhaas (Remment Lucas Koolhaas) è oggi uno degli architetti più noti al mondo. Tuttavia, come spesso accade con le persone ancora in vita, la sua biografia non è stata scandagliata con la dovuta sistematicità critica da quanti studiano il suo lavoro. Tale fenomeno è in parte attribuibile al fatto che le pubblicazioni risultano limitate dal taglio meramente divulgativo dovuto al contesto “giornalistico” in cui le notizie su Rem Koolhaas sono via via apparse. Inoltre gli intervistatori sono spesso mossi  dal semplice gusto della curiosità, del fare notizia, circa le vicende umane e gli episodi avvenuti in precedenza. Tuttavia tra questi numerosi contributi giornalistici alla biografia e al pensiero di Koolhaas, uno dei più rilevanti è senza dubbio rappresentato dall’ intervista realizzata dal settimanale Der Spiegel a cura di Matthias Matussek e Joachim Kronsbein nel marzo del 2006. Intitolata “Evil Can also Be Beatiful rappresenta una veloce ma suggestiva analisi dei rapporti tra politica e architettura, con stimolanti considerazioni sulla città contemporanea e sul ruolo dell’ architetto oggi. Sostanzialmente una riflessione disincantata sulla condizione di postmodernità in cui noi tutti ci ritroviamo oggi: emerge soprattutto la statura di Koolhaas come critico,  statura confermata da fortunate pubblicazioni e taglienti pamphlet. Gli scritti di Koolhaas hanno un valore di gran lunga superiore a quello della sua architettura che al contrario rende evidente gli scollamenti tra teoria e prassi, tra critica al sistema capitalista contemporaneo e volontà di scendere a patti con esso.

Frasi programmatiche come “accept the world in all it’s sloppiness and somehow make that into a culture” rivelano il senso estetico e la consapevolezza della complessità dell’ architettura contemporanea, ma a tratti sembrano anche una sconfortata dichiarazione in bilico tra cinismo e un certo nichilismo radical-chic: Rem Koolhaas prefigura un’ architettura ideologicamente antiprogressista o antimodernista (cioè “indifferente” ai problemi della città o della società contemporanea) ed allo stesso tempo una ricerca che tenda al “sublime” ovvero ad una nuova autonomia artistica (cfr. Oedipus Rem, An Interwiew with Rem Koolhaas, a cura di  Lynn Becker). Ma tale metodo investigativo e di analisi può configurarsi concretamente in una “messa in scena” architettonica? Per rispondere a tale domanda ci viene in aiuto proprio la sopracitata intervista pubblicata su Der Spiegel in cui Koolhaas ci parla della “Hollywood tower”, ovvero di quello che probabilmente è il suo primo lavoro teorico/architettonico:

I wrote it in 1974 with Rene Daalder, and it consists of three levels. At the first level, wealthy Arabs buy up the Hollywood film archive and build a computer with which any star can be put back on the screen. The second level deals with the Nixon administration, which spends a fortune helping out-of-work actors — including Lassie — get jobs in the movies again. Finally, the third level is about Russ Meyer, of course, who is shooting a porn film — the last form of humanism.

In altre parole la città in forma di unico edificio in cui l’ architettura non è altro che il piedistallo, il palco dell’ exploitation contemporanea: la violenta estetizzazione del “soggetto-oggetto” corrisponde per contrappasso alla sua stessa possibilità di utilizzazione e sfruttamento in senso commerciale. Non è un caso che Rem Koolhaas sottoponga proprio a Russ Meyer,  il regista di “Faster, Pussycat! Kill! Kill!” tanto amato da Quentin Tarantino,  il manoscritto/sceneggiatura della “Hollywood tower”: il disinteresse del regista nei confronti dell’ ambiziosa sceneggiatura chiuderà definitivamente la parentesi di Koolhaas nel mondo del cinema. (1)

Né il testo della  “Hollywood tower” né i motivi del disinteresse di Meyer sono stati sufficientemente analizzati:  in attesa che qualche studioso compia delle indagini su questo scritto, possiamo solo ipotizzare la mancanza di ironia in quel lavoro di Koolhaas. Se Meyer utilizzava donne avvenenti e prosperose come improbabili protagoniste dei suoi film, satira di una società estetizzata dal sesso e dalla violenza, la descrizione della sceneggiatura koolhaasiana si presentava al contrario come un caleidoscopio premonitore di una realtà estetizzata dal denaro e dalla “crisi”. Nessuna ironia dunque nel giovane Koolhaas: la “Hollywood tower” era un messaggio che voleva essere innanzitutto un’ affermazione capace di prefigurare una realtà oggi dannatamente vera.

(1)

http://www.imdb.com/name/nm0465549/

http://www.bromet.nl/home/130

http://www.polytechpress.com/rem-koolhaas-oma-the-construction-of-merveilles/

Rem Koolhaas negli anni ‘60, studente presso la  Nederlandse Film en Televisie Academie di Amsterdam diretta da suo padre Anthonie, ha fatto parte del gruppo di cineasti denominato “1,2,3 Groep” con Rene Daalder, Samuel Meyering, Jan de Bont e Frans Bromet. Di questa esperienza ci rimangono alcuni film tra cui: 1,2,3 Rhapsodie, 1964; Body and Soul, 1966; De blanke Slavin. Intriges van een decadente zonderling, 1969.

Aforisma (2)

novembre 27, 2010

Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.

Robert Oppenheimer

Another Rem

novembre 24, 2010

Lebbeus Woods, nel suo interessante blog, ha pubblicato nell’ Ottobre 2009 una breve riflessione su Rem Koolhaas. Rivolgendo la memoria alle vicende del concorso del Parc de la Villette rievoca un Rem Koolhaas di cui in effetti non sentiamo più parlare da tempo.

L’ architetto di S,M,L,XL (co-curatore assieme al grafico Bruce Mau) un tempo innovativo, provocatore, critico, appare oggi agli occhi di Woods, e anche ai nostri, meno stimolante di allora.  Negli ultimi anni si è dedicato essenzialmente al ruolo di divulgatore, di comunicatore della contemporaneità, finendo il più delle volte per comunicare comunicazione: il significato architettonico di utilizzare fotomontaggi volutamente kitsch o pastiche allegorici affiancati a grafici e statistiche a volte ci sfugge, mentre ci sfugge completamente quando la “messa in scena” trasforma la grafica e le immagini di quotidiani e settimanali in un meccanismo di ironica ostentazione informativa che ripercorre evidenti luoghi comuni.

Se  Rem Koolhaas in Content ci dice che  “Architecture is a fuzzy amalgamation of ancient knowledge and contemporary practice, an awkward way to look at the world and an inadequate medium to operate on it”, evidentemente non può non pensare che tale  inadeguatezza non si intraveda anche nei compromessi visibili in alcuni suoi progetti. Progettare edifici che ricordano la Death Star (la Morte Nera) di Star Wars (o un modello di radio della Panasonic?) e realizzare una Concert Hall come quella di Porto estremamente complessa nella sua “forma” esteriore ed allo stesso tempo estremamente banale e consueta, un semplice rettangolo, nella sala vera e propria da concerti ci sembra uno spettacolo sufficientemente “commestibile” al grande pubblico.

Tuttavia lo stesso Koolhaas non ha mai nascosto i suoi ammiccamenti al sistema mercato, le sue ambigue relazioni con le forze della globalizzazione, col contestato e allo stesso tempo contemplato capitalismo dello Y€$. In via ulteriore possiamo aggiungere che Koolhaas ha manifestato più volte un certo conformismo da salotto radicale, luogo ideale dal quale denunciare le complessità e le contraddizioni del contemporaneo e dal quale promuovere gradevoli chiccherie in forma di progetti o fotomontaggi dalle apparenze (o forme) complesse e dai contenuti spesso ameni. Rem Koolhaas appare dunque come una macchina duale, capace di confezionare prodotti architettonici, di sfornare ricette urbanistiche pronte a vari usi (alludendo ai progetti per Dubai, non importi che ci si trovi in mezzo al deserto o in mezzo ad una darsena marina), si può perfino permettere, attraverso AMO/OMA, di essere una macchina celibe per produrre ricerca: è un vero peccato che la perfetta macchina dell’ archistar sommerga di “pubblicità” quanto di interessante egli riesca tuttavia a suggerire.

Aforisma

novembre 21, 2010

“C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di sé”.

da Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde

La Gregotteide

ottobre 22, 2010

Riportiamo qualche riga da un ironico articolo apparso su “Il Foglio” del 15/10/2010 a firma di Camillo Langone.  Il tema dell’ articolo riguarda quei  “giochi” che vengono condotti, con alterne ma frequenti cadenze, anche mensili, allo scopo di tributare l’ ennesimo sfolgorante successo  al professionista che ha fatto della sua vita una grande Gregotteide, un “racconto” umano denso di significati e di insegnamenti. Dai suoi libri e dai suoi discorsi, soprattutto quelli recenti, apprendiamo come il corso della sua vita sia stata una continua affermazione delle proprie idee, e con acuto spirito critico ci informa che, in fondo, la sua vita e la sua opera sono lo specchio dell’ architettura moderna, anzi, dell’ interno XX secolo (cfr. Vittorio Gregotti. Autobiografia del XX secolo, Skira 2005). I maestri del moderno? Qualcuno potrebbe pensare che siano quasi personaggi minori. I principali artisti contemporanei? Vi invitiamo a verificare voi stessi. E’ con questo acume e con questo sofisticato spirito critico che lo abbiamo sentito in varie occasioni invitare gli studenti universitari a strappare le pagine dei libri di storia in cui appariva il progetto della Chapelle de Ronchamp: un incomprensibile ed inspiegabile errore ai suoi occhi che poteva meritare come commento solo l’ appena citata provocazione. E’ un vero peccato verificare come  persone che non possono certo lamentare di aver avuto poche occasioni  professionali ed economiche nella vita sentano anche il bisogno di ostentarle, trasfigurarle, mitizzarle allo scopo forse di aggiungere adulatori a collaboratori già riconoscenti, in circolo vizioso di cui non ravvediamo l’ utilità. Diventa noioso ed addirittura poco gradevole dover sopportare oltre al narcisismo e all’ ostentato presenzialismo anche certe opinioni/amenità, ben lontane dall’ essere un serio e meditato giudizio storico/critico. Non si può tuttavia togliere a Gregotti il ruolo che ha avuto in passato. Dal “Territorio dell’ architettura” al progetto per l’ Università della Calabria, tuttavia è passato molto tempo. Ma a ben guardare né il suo ruolo di professore,  di direttore di rivista e saggista hanno potuto impedire che in alcuni suoi progetti fosse evidenziato il seme del fallimento di un certo modo totalizzante di fare architettura.  E’ voluto il fatto che abbia chiamato in causa proprio il progetto per l’ Università della Calabria, forse il miglior progetto di Gregotti  nonostante la pessima realizzazione non ascrivibile al suo autore: il rapporto con il paesaggio circostante non è vissuto anche dal fruitore ma solo dall’ oggetto-edificio, col risultato di trasmettere una forte sensazione di alienante castrazione visiva. Chi vi è stato almeno una volta, camminando sulla grande strada ponte o nei bui corridoi dei dipartimenti,  può capire quello che scrivo. Nella fruizione inoltre l’ edificio risulta così ripetitivo e scontato, privo di qualsiasi effetto città, che non è possibile percorrerlo senza il supporto della cartellonistica informativa poiché non vi si riscontrano reali punti di riferimento. Esperienza simile, nel rapporto uomo-architettura-contesto, si può riscontrare allo Zen.

Credo che ci sia abbastanza per riflettere. Per sorridere leggete qui sotto:

“ Ci sono personaggi che le idee dovrebbero smettere di farsele venire, visto i risultati pratici delle loro elucubrazioni, e parecchi di questi li troveremo […] al convegnone “Idee Italiane”, (15-16 ottobre 2010 n.d.r.) presso l’ Auditorium Pirelli di Milano Bicocca. Si parlerà molto di architettura e la giornata di sabato sarà una vera e propria Gregotteide. Sarà di Vittorio Gregotti l’ introduzione, di uno storico collaboratore di Gregotti la prima relazione, di un altro collaboratore di Gregotti la seconda, di un grande estimatore di Gregotti (lo definì sul Corriere “l’ ultimo dei maestri” o qualcosa del genere) la relazione numero tre, di un ennesimo sodale di Gregotti la numero quattro, e lo so che sto stufando, che oramai avete capito, ma per completezza di informazione devo dirvi che nemmeno il quinto relatore verrà da fuori, anche lui sarà una persona di famiglia: un co-autore di libri di Gregotti. I relatori numero sei e sette[…]gravitano nell’ orbita dell’ ultimo dei Grandi Maestri, insieme hanno fatto convegni e libri perché Gregotti è Gregotti in tutta Europa, forse in tutto il mondo. L’ intervento finale sarà di Gae Aulenti, gregottiana di ferro fin dagli anni Cinquanta, quando entrambi collaboravano a Casabella […] incredibile ma vero la Gregotteide si svolgerà nel Gregottianum […]”

Per  dovere di informazione riferiamo che le persone evocate sono nell’ ordine: Carlo Magnani, Franco Purini, Luca Molinari, Bernardo Secchi, Fulvio Irace, Rafael Moneo, Joseph Rykwert. Tuttavia crediamo che non sia il presunto rapporto con Gregotti il dato fondamentale, bensì il corto circuito che può generarsi quando queste persone sono invitate a parlare dello stato della cultura e dell’ architettura in Italia, della sua creatività e della sua capacità di innovazione. Della sua capacità di innovazione. Meditiamo ancora una volta.

La Sala Conferenze G8 alla Maddalena: un giudizio architettonico

settembre 5, 2010

L’ ambiguità di tale opera, malauguratamente per il suo progettista, è in quell’ aver  “vissuto” uno dei più estesi episodi italiani di spreco di denaro pubblico, corruzione e mala-politica. L’ intera operazione G8 alla Maddalena dimostra come sia difficile uscire immuni dai compromessi, perfino da quelli morali: l’ edificio a sbalzo sul mare non è semplicemente la risposta “architettonica” ad una funzione,  bensì, oggi è  il simbolo di un tentativo ambizioso a cui è sfuggito volutamente il nodo politico della vicenda. In questo edificio perfino la ricerca del luogo sembra risultare simulata. Non importa che ci si trovi a Marsiglia o in Sardegna, la soluzione dell’ edificio a sbalzo sull’ acqua pare essere l’ unica proposta “vincente” in grado di partorire la mente dell’ architetto. Si tratta di una prassi  già sperimentata da Boeri nei progetti (non realizzati) per i waterfront di Siracusa e Napoli: trovata una soluzione è utile riciclarla, perfezionarla fino a ricadere in modelli di dogmatismo e freddezza vincolati ad una sgradevolezza asettica ed apparentemente intellettualistica.  Tutto il progetto dell’ edificio è poi frutto di meccanismi retorici ingenui e privi di carattere. Il parallelepipedo della sala conferenze incombe pesante sul piazzale e sull’ acqua,  incapace di produrre un momento di diastole spaziale da contrapporre alla compressione generata dalla modesta quota d’ imposta dell’ estradosso del primo solaio, mentre l’ enorme   ascensore/piattaforma interno e la sala vetrata a sbalzo sul mare, col pedante foro circolare nel solaio di calpestio, suonano come soluzioni di un’ ovvietà disarmante, utili espedienti di edonismo comunicativo atti a celebrare retoricamente il potere dei leader politici che avrebbero dovuto presiedere un vertice che non vi ha avuto luogo. Alla Maddalena non è stato realizzato alcun edificio degno di elevarsi ad Architettura. Nonostante quanto pensino i supporter e gli eventuali gosthwriter del progettista, la Sala Conferenze e il resto del complesso degli edifici del G8 abortito, raccontano di una vicenda di squallida cronaca e di compromissione morale che investe tecnici, costruttori, politici italiani: mai più vorremmo vedere spendere tanto denaro senza procedure di evidenza pubbliche, soprattutto per quanto riguarda il conferimento degli incarichi professionali e la gestione degli appalti.

Il faccendiere o l’ “intellettuale” organico???

luglio 8, 2010

http://mmedia.kataweb.it/foto/6648393/11/ecco-la-maddalena-dopo-il-trasloco-del-g8

A volte capita leggere di persone che, in accorati appelli (in cui non mancano gli insulti a chi si permette di fare obiezioni e di interrogare),  hanno lamentato la totale estraneità a vicende poco chiare e a qualsivoglia compromissione morale.  Addirittura ci dicono che in realtà non contavano per davvero, ci dicono che probabilmente sono delle vittime, invocando un masochistico bisogno di identificarsi con i perdenti. Dimenticando che i veri perdenti sono solo i cittadini onesti. Poi si scopre che non usano i toni propriamente pacati delle persone a cui sono precluse le decisioni… in fondo Paolo Mieli, molto argutamente, ci spiega che si tratta di persone appartenenti a caste particolari, non sono “architetti qualsiasi”, sono “figli di” e “fratelli di”. Come abbiano avuto gli incarichi (quale procedura di evidenza pubblica è stata utilizzata?) e a quanto ammontino le parcelle non è dato sapere, a dispetto di trasparenza e cultura.

da Repubblica 28/06/2010:

In una telefonata intercettata l’architetto fiorentino Marco Casamonti (indagato per truffa ai danni dello Stato) dice: “Pare che l’abbia progettato un certo Facchini, dice che è una cosa orrenda… Sarà l’uomo di Balducci”. E l’architetto Stefano Boeri: “No, peggio, lui è l’architetto del Papa, il fratello è uno degli architetti di Berlusca… Della Giovampaola mi ha detto che sono dei cani, però non li possiamo mandare via perché uno lavora per Berlusconi e uno per il Vaticano”.

“Obscenidade” do tempo veneziano. Alguns projectos contemporâneos não realizados e outros realizados.

giugno 20, 2010

di Luca Maria Folgore, Luca Guido

Pubblicato su JA, journal arquitectos, n° 229

“Vive-se em Veneza como num agradável exílio, não só da terra, mas também do tempo”.
em “Il Cielo sulle città” de Vincenzo Cardarelli
Por obs-cenidade entendemos o significado mais profundo e oculto que se encontra na origem da palavra, que é o sentido expresso pelo grande teatro.
O-scenità para indicar alguma coisa que pelo seu significado “particolar” apresenta-se como imensamente diferente de “tudo” aquilo que se pôe em cena, ou seja da arquitectura espectacularizada e desejosa de ocupar a cena a sobrepondo-se ás obras-primas da arquitectura contemporânea veneziana.
Os projectos contemporâneos elaborados para Veneza, mas não realizados, viceversa nunca foram em cena, mas sobretudo não os poderiam nunca realizar porque cheios da mais profunda peculiaridade e alteridade ao pensamento comum e dominante que esses projectos não quereriam nunca realizar.
E Veneza infelizmente ficou sempre imutável e embalsamada como uma múmia, principalmente quando poderia ter aprendido dos “Capricci” de Canaletto da alteridade seria vivificada e glorificada da sua mesma imagem: uma ponte paladiana para Rialto, a Basílica paladiana de Vicenza e Palácio Chiericati colocados no Canal Grande não modificam minimamente uma cidade que apesar da descontextualização de edifícios “modernos” fica sempre a mesma (cfr. Capriccio Veneziano, olio su tela 60X82 cm, Galleria Nazionale, Parma).
O des-agradável exílio indicado por Cardarelli, na verdade, foi o exílio que a arquitectura moderna\ em Veneza sofreu desde o Renascimento, sobretudo durante o século XX.
As forças reaccionárias ao contemporâneo venceram mais do que uma vez: primeiro com Wright que projecta um magnífico palácio “in volta” do Canal Grande e mais tarde com o projecto de hospital elaborado por Le Corbusier. Tanto para um projecto como o para outro, uma vez iniciado o processo burocrático, serão logo criados obstáculos e os edifícios nunca serão realizados.
Também Louis Kahn e Ludovico Quaroni, respectivamente com os projectos para um Palácio de Congressos nos jardins da Bienal de Veneza e para um bairro residencial em San Giuliano, não serão mais realizados. Todavia estas propostas, como aquelas precedentes, serão íconas significativas do imaginário arquitectônico de muitos jovens arquitectos e experimentadores. No fundo em Veneza aquilo que não conseguiu Le Corbusier conseguiu Luciano Semerani projectando o novo hospital de San Giovanni
e Paolo oferecendo como repertório formal arcos, tímpanos e tipologias. Uma “delícia” exposta sobre a lagoa veneziana. E não se recordam o projecto-provocação desenhado para a área Ex Saffa de Cannaregio por Peter Eisenman? Que è pensam exista agora? Infelizmente uma pouco significativa realização do nosso italianíssimo
Gregotti, enquanto não muito longe surge a intervenção terrivelmente visível, à qual não acrescento outros comentos, de um professor universitário que ocupou parte da área do projecto corbusiano.

O significado comum que se dá à palavra obsceno, usada para indicar alguma coisa de indecoroso, indecente e de ofensivo face ao pudor e/ou do contexto, vem totalmente invertido em Veneza, mesmo se a tentativa de a usar para indicar certas arquitecturas contemporâneas ou determinados delitos arquitectônicos que foram cometidos é bastante forte.
Enquanto os académicos praticavam em produzir lucubrações dignas da categoria, mas com resultados péssimos, sujando as mãos com o lápis na mesa de desenho, no decorrer dos anos aconteceu de tudo.
Em tantos se bateram contra Wright, Le Corbusier e principalmente contra Carlo Scarpa, por isso contra arquitectos modernos, e ninguém impediu a realização de construções de má qualidade no interior do tecido urbano ( por exemplo os prédios de Rio Novo, o Banco a San Luca, o hotel Danieli, etc…).
Muitos menos se fez pelas pequenas obras-primas do moderno que foram alteradas ou desmontadas, ou pior ainda esquecidas; Precisamente refiro-me ao projecto do futurista Angiolo Mazzoni para a central térmica da estação ferroviária de Veneza – um pequeno edifício em parte alterado – a variados projectos de Scarpa e aquele mais recente, o projecto para a nova sede do IUAV (1997), que foi totalmente abandonado da faculdade de arquitectura veneziana.
Deste último acontecimento o sentido evidente que emerge é aquele que uma parte do mundo cultural universitário não acreditava verdadeiramente nos valores de um projecto moderno e principalmente de um projecto experimental como este de Miralles. È mesmo pelo facto de não ter dado seguimento a um projecto vencedor de um concurso, mas que tinha ainda superado a complicada burocracia italiana, é simbólico, assim como é simbólica a mensagem negativa para os estudantes. Quando em vez disso a faculdade arquitectura deveria ter dado seguimento a projectos dos quais não existem sinais, nem livros de história, nem nas revistas especializadas, não obstacularam mínimamente estas realizações que foram directamente entregues a alguns professores da escola.
Em Veneza nem o restauro- menos aquele de Scarpa – foi totalmente compreendido como recursos do moderno, dada a ilusão de trabalhar com a verdadeira matéria do restauro ou seja com as prácticas de maquilhagem do cadáver da história resultaram muitas vezes mais consoladoras que o normal procedimento “estratigráfico” da mesma história.
Estando convencido que o verdadeiro restauro não se limite na conservação e nela tutela, mas sobretudo no facto que estas coisas possam acontecer através de sinais contemporâneos ou através um aparato moderno que valorize a preexistência.
Propondo muitas vezes paradoxos sem tempo do onde era, como era (considera o caso da torre de S. Marcos como o do teatro La Fenice) foi atacada a legitimidade do projecto contemporâneo como “estratificação” relativa a um aparato histórico restaurado apenas na sua matéria material e não na sua imagem.
O único conforto que resta, numa Disney-Veneza por bandos de gafanhotos turísticos museolizados principalmente “de uma velhacaria estomacal” no confronto do moderno é aquele de pensar em Veneza como uma máscara não certo carnavalícia, atrás da qual seja ainda possível perceber algum pulsar de coragem não sufocado do excessivo “luar de quarto mobilado” que perturba as mentes de quem dirige o pensamento à cidade lagunar.
Isto porque da cidade é preciso saber colher os sinais, como nos foi ensinado por Thomas Mann em “Der Tod in Venedig” e também em Luchino Visconti através da sua transposição cinematográfica, na beleza existe uma advertência de morte: fascinados pela beleza não percebemos a degeneração colérica que se multiplica à nossa volta.
A maquilhagem ostentada sobre a nossa “máscara” como aconteceu a Gustav von Aschenbach estendido no seu último dia sobre uma cadeira na praia, transforma-se numa triste tentativa de esconder a verdade das formas no desenrolar nos últimos instantes de vida.
E da mesma forma certas arquitecturas estendem apenas um véu lastimoso sobre os valores da modernidade tentando esconder propria exibiçao esquelética de mero involucro.

Il Premio Newitalianblood 2010

giugno 3, 2010

> PREMIO NEWITALIANBLOOD.COM 2010
Risultati seconda edizione
I più interessanti progettisti Italiani con studio in Italia o all’estero. Architetti nati dal 1973

(per i risultati vai in fondo all’ articolo)

I risultati del premio Newitalianblood 2010 confermano valutazioni e spunti critici suscitati anche dall’edizione precedente. Innanzitutto non si tratta di un’iniziativa autocelebrativa o mediatica in senso pubblicitario, né di un’affermazione di potere editoriale-universitario-professionale.
Lungi da tutto ciò, i giovani studi classificati si differenziano dal vecchio e dal nuovo (presunto) star-system italiano: vediamo un deciso impegno nel compiere al meglio la professione, nel fare e cercare di fare architettura. Una ricerca che si sviluppa sia attraverso i piccoli incarichi sia sognando attraverso proposte cariche di forza visionaria e sperimentale. A volte, analizzando il lavoro di uno stesso studio, in qualche opera si registra un passo indietro rispetto ad intenzionalità espresse o presenti in nuce in altri progetti. Questo è un aspetto sul quale vale la pena soffermarsi un momento, al fine di analizzare il problema e provare ad estirparlo. Forse per mediare le posizioni di qualche committente o più probabilmente -è il caso dei concorsi- per un’autolimitazione imputabile ad una serietà professionale che vuole evitare proposte ritenute economicamente non compatibili, si rinuncia a un progetto criticamente impegnato. Di per sé questa serietà è un atteggiamento etico apprezzabile, ma non deve essere stimolo per rinunciare a scelte coraggiose, per declinare il controllo dei costi attraverso scelte che privilegiano aspetti residuali del progetto, per rinunciare ad adottare un linguaggio architettonico compiuto e criticamente impegnato, poiché non è solo nella “pelle” di rivestimento degli edifici che si esauriscono i compiti e le responsabilità dell’architetto. Ma non è tutto.
Qualche difetto presente nei vari progetti è senza dubbio ascrivibile a residui di esperienze universitarie un pò bigotte che avvolgono vari progetti in una cupa aureola di severità e compostezza lontana dalla gioiosità e dal disincanto di altre proposte dei medesimi gruppi di progettazione. Quanto detto vuole essere un invito all’autocritica, a mettersi in gioco, anche a riazzerare l’orizzonte per cercarne uno nuovo, più lontano e profondo. Sono problemi comuni ad una situazione italiana più vasta, una situazione contestuale in cui spesso le scelte progettuali sfociano nella banalità o supportano la speculazione. Ad ogni modo le lacune evidenziate non intaccano di molto lo scenario profilato dalla classifica 2010 che globalmente si dimostra variegato di proposte oltre che positivo e concreto.
Qualche caduta di stile dei singoli progetti è moderata -a volte sovrastata- da una stimolante ecletticità delle proposte nel loro insieme -che è un pregio- e da esperienze fortemente sperimentali volute da singoli gruppi che si espongono al giudizio dei critici più esigenti e di nicchia, rinunciando consapevolmente a costruire. Si può concludere affermando che la capacità di fare rete (senza fare lobby) e la transnazionalità dei nuovi gruppi di progettazione conferma una realtà che un decennio fa ci avrebbe stupito, ma soprattutto conferma come si possa fare architettura e ricerca anche al di fuori dei canali ufficiali, lontani dalle pagine delle riviste patinate, lontani dai salotti mondani e dalle tessere di appartenenza, distanti dai critici di architettura degradati al rango di gazzettieri e capaci di scrivere articoli solo ricopiando i comunicati stampa delle aziende produttrici e dei propri amici architetti. Questa è l’occasione per fare una riflessione di più ampio respiro per individuare responsabilità in un sistema universitario-editoriale-politico oltre che professionale incapace di stare al passo con una realtà che sotto gli occhi dei più giovani si profila già evidente.
“Corri compagno, il vecchio mondo ti insegue” si poteva leggere su un muro della Sorbonne nel maggio ’68. Non si tratta di una semplice dichiarazione/adesione politica, bensì di una verità storica:  sono ancora molti quelli che non se ne sono accorti. Purtroppo in Italia si profilano di anno in anno nuovi scandali per gli appalti e si susseguono di volta in volta professionisti pronti ad accettare le vecchie regole, facendo subire ai colleghi, in un secondo momento, proclami di superiorità morale e critiche al sistema che fino a poco prima si è condiviso.
Iniziative come quella del premio di Newitalianblood rimettono in gioco i ruoli e le competenze, fanno di internet un vero sensore critico, oltre che uno strumento di trasparenza e conoscenza; sarà poi il tempo ad eseguire le verifiche che in questa sede non possiamo compiere e ci mostrerà chi è stato -architetto e/o critico- solo una meteora.
Luca Guido

> PREMIO NEWITALIANBLOOD.COM 2010
Risultati seconda edizione
I più interessanti progettisti Italiani con studio in Italia o all’estero. Architetti nati dal 1973

01 MONOVOLUME (Bolzano)
Patrik Pedò 73, Juri Pobitzer74

02 ECOLOGICSTUDIO (Londra)
Claudia Pasquero 74, Marco Poletto 75

03 MARC (Torino)
Michele Bonino 74, Subhash Mukerjee 74

04 MARAZZI ARCHITETTI (Parma)
Davide Marazzi 74

05 3GATTI (Shanghai)
Francesco Gatti 73

06 FACTORY ARCHITETTURA (Roma)
Mariella Annese 76, Milena Farina 77

07 CONSOLE – OLIVA (Roma)
Alessandro Console 80 – Gina Oliva 80

08 TERNULLO MELO (Lisbona)
Chiara Ternullo 75, Pedro Teixeira de Melo 78

09 KK ARCHITETTI (La Spezia)
Simone Moggia 76, Tiziana d’Angelantonio 77, Giulio Pons 79, Paolo Lazzerini 81, Olivier Moudio 78

10 AION (Siracusa)
Andrea Di Stefano 73, Aleksandra Jaeschke 76

Landscape as contemporary detector of life changes

aprile 21, 2010

Si tratta di una ricerca che parte dallo studio dei grandi paesaggi americani, dagli albori della paesaggistica americana agli studi di John Brinckerhoff Jackson, da Kevin Lynch a Reyner Banham, Robert Venturi, per indagare la fenomenologia dei nuovi ed attuali paesaggi. Dai deserti allo sprawl, dalle  periferie alle infrastrutture, dai Mall ai parchi territoriali, esiste un moderno continuum urbano-paesaggistico? Le prime esperienze di Olmsted e dei fratelli Green, di Wright e di Halprin, gli scenari prefigurati dalla letteretura di Ballard e dagli scrittori postmodernisti, le esperienze hippie e quella beat, le visioni utopiche e tecniciste hanno prefigurato il nostro presente in maniera eclettica, mutando di volta in volta i valori di riferimento. Come le reti e i nuovi rapporti comunicativi stanno modificando il prossimo futuro? cosa ci rimane di valido dei vecchi sogni e delle vecchie esperienze? Un excursus nella storia del paesaggio americano, con l’ occhio vergine del pioniere, per capire come e dove la contemporaneità riesce a “creare” paesaggi, dove e perchè invece ha fallito, come è mutato oggi il cambiamento percettivo e soprattutto per studiare le direzioni materiali e virtuali dei nuovi territori infrastrutturati dichiarati e denunciati dal mondo digitale che governa il nostro vivere. Una tesi teorica intesa come azione critica ed impegnata che vuole indagare i mutamenti come “unico elemento immutabile rintracciabile nel paesaggio” (Frank Lloyd Wright) a partire dalla recente situazione statunitense da utilizzare come sensore. Possibilità, stimoli e risorse dei paesaggi contemporanei (Luca Guido).

Sala per le associazioni e per le energie del territorio

aprile 17, 2010

sala energie del territorio

Underconstruction

Il disegno come racconto

aprile 13, 2010

estratto da:

Architettura come frammento

Recupero della Chiesa di San Michele in Roccaravindola-Franco Pedacchia

a cura di Luca Guido, Melfi, Casa editrice Librìa (2007)

[…] Si possono chiamare in causa numerose categorie come il sogno (la rêverie), il notturno, l’irrisolto e il labirintico, la fiaba, il disordine, l’interrotto, il relativo aprospettico, il discontinuo, il dinamico, il disordinato ecc. -tutte rigorosamente da ribadire ove necessario- ma difficilmente si potrà intendere il notevole patrimonio documentale di disegni che Pedacchia custodisce da anni, basandosi solo su elenchi di categorie da contrapporre ad altre. A dimostrare ciò sono proprio i suoi schizzi progettuali che sembrano soffrire all’idea di dover realizzare e dare riscontro a una sola delle mille idee che affollano la mente quando si è davanti al foglio di carta con i colori in mano come un bambino. E come un bambino, Pedacchia sembra voler scomporre in parti le architetture da esaminare, da verificare ancor prima che prendano vita, nonostante lo strumento del disegno appaia limitativo e incapace di rappresentare gli spazi nel loro svolgersi, nel loro dispiegarsi. Inoltre i disegni si susseguono anche a cantiere iniziato e perfino dopo che i singoli elementi del progetto abbiano già preso forma reale costruita: testimoniano le possibilità inesplorate, le strade che l’architetto avrebbe voluto intraprendere, servono a riconoscere gli errori della realizzazione. Nel caso in cui ci siano state divergenze tra realizzazione e progetto servono per dare verifica a soluzioni inaspettate, a presenze in qualche modo intruse. Ne emerge una critica al concetto di “centro”, di proporzione tra le parti, di gerarchie architettoniche che appaiono ribaltate rispetto ad un’ idea di “disciplina” -architettonica- autonoma ed interna al solo progetto. I particolari non trovano ragione di esistere solo per motivi realizzativi o di culto maniacale del disegno di architettura. Il progetto infatti è costituito da continui rimandi: la porta situata sul fronte principale attraverso le sue bucature di scarpiana memoria stimola a guardarvi attraverso per scoprire il mondo interno, la porta laterale stretta e allungata si conclude invece in due trapezi che fanno da cornice al piccolo borgo per chi guarda dai ruderi verso l’esterno; con gli stessi intenti di mostrare e/o nascondere nascono gli altri elementi del progetto come il pilastro inclinato e le varie recinzioni perimetrali. Ma la storia appare all’architetto ricca di esperienze interrotte, traboccante di sprechi e di forme inesplorate, vergini e piene di potenzialità. L’apparato figurativo per questo va oltre il semplice repertorio da “manuale”, per questo allude a recondite figure retoriche e metafore. L’allegorico in un ultimo tentativo di sopravvivere alla “realtà” sembra sfiorare i sogni e le idee per pietrificarle e dar loro un “senso”. Lo scrittore Silas Flannery protagonista di Se una notte d’ inverno un viaggiatore riflettendo sullo scrivere è dilaniato interiormente da simili preoccupazioni osservando una lettrice: “tra i suoi occhi e la pagina vola una farfalla bianca. Qualsiasi cosa lei stesse leggendo ora certo è la farfalla cha ha catturato la sua attenzione. Il mondo non scritto ha il suo culmine in quella farfalla. Il risultato cui devo tendere è qualcosa di preciso, di raccolto, di leggero […] che in qualche modo ‘somigli’ alla farfalla”.4 Il problema sembra divenire ciò che non è scritto, non- scrivibile, che in qualche modo non è contenibile nel linguaggio. Forse questo è il motivo per cui l’architettura di Pedacchia sembra fatta di opposti apparentemente insanabili (antico e moderno) e si mostra in figure enigmatiche che mettono assieme forme incongrue e misteriose come nei rebus. Farfalle volano sui ruderi e granchi sembrano avervi trovato dimora. “Come la farfalla e il granchio che illustrano il ‘Festina lente’ (affrettati lentamente, n.d.r.) nella raccolta di emblemi cinquecenteschi di Paolo Giovio, due forme animali entrambe bizzarre ed entrambe simmetriche, che stabiliscono tra loro un’ inattesa armonia”.5 Il granchio figura anfibia, le cui chele riproducono in un immaginario zoomorfo i bracci dell’àncora, contrappone la sua andatura discontinua, inquietante e contorta di polipede dal passo claudicante alla levità della farfalla: viene proposta una ben nota opposizione tra dei. Alla mobilità leggera di Mercurio si contrappone l’andatura pesante ed impedita di Efesto, l’aereo versus il sotterraneo, il piacere di una vita fuggevole ma rapida contro il lavoro faticoso e lungo del metallurgo. Granchio e farfalla sono creature di un “universo reversibile”, e simboli ammonitori che ci ricordano che in ogni procedere vi è un inabissamento. Ma dietro l’apparenza delle cose si cela sempre qualcosa di più misterioso che ci aiuta a costruire i riferimenti profondi e non solo formali tra mondi diversi. Naturalmente è ancora Calvino che ci apre la mente, che vuole dirci qualcos’altro, raccontando nel finale della sua conferenza sopracitata dedicata alla “rapidità” l’aneddoto del granchio perfetto disegnato da Chuang- Tzu. è una cosa che naturalmente non viene scritta ma lasciata nel mondo delle analogie e delle associazioni mentali. Il maestro cinese del Taoismo è anche colui che una volta sognando una farfalla, al proprio risveglio non sa più se è una farfalla che sogna di essere Chuang-Tzu o Chuang-Tzu che ha sognato una farfalla. Mondi diversi dunque sono tenuti assieme nella propria mente dalle esperienze della vita, e/o dai sogni. Ora tuttavia non vorrei ingannarvi completamente con questi racconti: il grande limite di Pedacchia è proprio quello di lavorare su un margine, sul confine delle fiabe e di ciò che non è reale. Architettura o arte dunque? Mostri o muse? Poesia o canzonette? Rispondere in maniera univoca francamente risulta difficile e d’altra parte non potrebbe spiegare i molteplici significati delle ambigue storie che mi hanno rammentato i disegni e la realizzazione dell’opera. Forse bisogna immaginare l’opera e i ruderi come il risultato percepibile dai sensi di una marea (il tempo) che ritraendosi lascia in vista gli oggetti venuti dal profondo assieme ai relitti e alle cose preziose. Cosa ci sia di prezioso e quali siano i relitti è il vero rebus da risolvere. Voglio concludere con una sola raccomandazione a chi in queste pagine ha veduto solo mostri: come insegna il mito, non bisogna lasciarsi ingannare dalle apparenze. Perseo aveva vinto la Gorgone Medusa spostando lo sguardo sulla sua immagine riflessa in uno scudo bronzeo ma affascinato dai poteri misteriosi riesce astutamente a trarne vantaggio usando la testa anguicrinita come arma contro i nemici. Questa è la parte del mito, più scontata e conosciuta, che in fondo ci dice di fare attenzione poiché il mostro non è rimosso neppure una volta domato, sconfitto. L’altra parte più misteriosa è quella da cui sono rimasto affascinato: il terrifico trofeo di battaglia di Perseo presenta altre inaspettate qualità. Dal suo sangue nasce Pegaso, il mitico cavallo alato, mentre gli arbusti marini, al suo contatto, diventano coralli raccolti e indossati dalle ninfe. Nel cuore della Gorgone, ove apparentemente vi è orrore, può esservi celata la grazia. Come in questa architettura: bisogna solo riconoscerla e come le ninfe saperla raccogliere.

Una cripta contemporanea

marzo 29, 2010

Franco Pedacchia. Restauro come architettura.

I lavori nella Chiesa di San Francesco in Venafro.

Sergio Rappino,  Melfi, Casa Editrice Librìa (2010)

Prefazione di Luca Guido

L’ opera di Franco Pedacchia, in bilico tra architettura ed esperienza artistica, pone diverse tematiche a rassegna. Il suo lavoro risulta stimolante e provocatorio, irruente nell’ apparire della sua interezza, meditato nel frammento e nel dettaglio tecnologico. Soprattutto Franco Pedacchia ci presenta un modo di procedere che è destinato a generare dibattito, riflessioni e anche incomprensioni. Questo avviene per diverse ragioni: in primis poiché la materia su cui si “fonda” il suo lavoro è quella della storia, e la storia ci dice chi siamo e ci interroga, in secondo luogo poiché egli non affronta la storia con la calcolatrice, l’ orologio e l’ enciclopedia, bensì operando attraverso scelte critiche, meditate quanto sofferte, e facendo un continuo ricorso all’ ingegno e all’ immaginazione.  Ne ho scritto in proposito nel libro dal titolo un po’ pretestuoso “Architettura come frammento”, edito per questi stessi tipi,  e dedicato al recupero della chiesetta di San Michele in Roccaravindola, operato dallo stesso Pedacchia. L’ opera illustrata nelle seguenti pagine è tuttavia un lavoro molto diverso da quello appena citato. Non tanto perché sia diverso il metodo di lavoro a cui ho accennato, ma perché qui la storia si presentava in forma di “edificio” e non in forma di rovina o di rudere. Va da sé che l’ intervento si è misurato con la spazialità della preesistenza, privilegiando l’ approccio museografico a quello effimero, ovvero la gestualità artistica appare più limitata. Nella chiesa di San Francesco a Venafro,  Franco Pedacchia mostra a pieno titolo le sue qualità e la ricchezza del suo procedere che poche righe più sopra abbiamo in qualche modo definito critico-operativo. Ce ne dà esempio in diverse situazioni. All’ esterno, nella facciata della chiesa, vediamo dedicare grande attenzione alla definizione di un attento restauro, salvaguardando l’ intonaco e l’ antica colorazione, nella consapevolezza che la preservazione della fabbrica vera e propria passa attraverso uno strato di sacrificio da integrare e ripulire col passare del tempo. All’ interno, invece, Pedacchia lavora sul fronte dello scavo archeologico, del consolidamento murario, del funzionamento statico delle fondazioni e delle coperture. Inoltre contemporaneamente pensa ai percorsi muesografici, alla definizione degli elementi funzionali, alla caratterizzazione degli spazi liturgici eliminando le superfetazioni, al problema dei rapporti di luce e di spazio tra cripta ipogea e navata principale. Molte delle idee iniziali sono rimaste sulla carta, come il recupero del campanile e la creazione al suo interno di un percorso che dalle profondità della cripta salisse verso la volta della chiesa e le sovrastanti capriate, o il recupero del convento adiacente che al momento della stampa di questo libro versa in stato di profondo degrado, o ancora la definizione degli arredi sacri e dell’ illuminazione. E questo non certo per incapacità, ma per problemi venialmente economici. Vista la molteplicità degli intenti, al termine restauro ci pare opportuno affiancare anche quelli di recupero e rifunzionalizzazione: tutte parole finalizzate alla definizione dell’ architettura, ovvero dello spazio. Ma Pedacchia non si smentisce neanche questa volta. Il recupero della chiesa di San Francesco a Venafro non prescinde da quell’ essere “laboratorio” che caratterizza tutti i suoi cantieri, nonostante, come abbiamo accennato,  il suo contributo immaginativo alla definizione degli apparati architettonici appaia più limitato e/o pesato. L’ architettura di Pedacchia non è semplicemente una ricerca di non finito, di caos, un’ immersione nella fantasia più sfrenata del disegno, è viceversa un laboratorio in cui si sperimenta e si affronta una ricerca continua. Questo è il vero insegnamento del Pedacchia: il progetto di architettura va inteso come disegno critico della realtà in cui lo spazio architettonico non è una semplice constatazione di forme. L’ architetto come il critico mira a cogliere l’ essenziale, senza badare troppo di aver lasciato dei bagagli per strada; egli sa che non può limitarsi a descrivere e catalogare, deve capire il funzionamento nascosto dello spazio e del luogo, deve coinvolgerlo in un processo rigenerativo, deve quindi interpretare ed immaginare per poter narrare la storia e il presente. Infatti se l’ interpretare è in stretta relazione con il  “tradurre” e con il “tradire” (dunque anche con la tradizione), l ‘immaginare, o meglio la fantasia, è in diretto rapporto con la storia. A difesa di quanto dico ricordo il paradosso aristotelico in cui si afferma l’ importanza della fantasia sulla storia. L’ opera di fantasia è in fondo più vera della storia: l’ una persegue i valori universali, indaga le possibilità e le qualità, l’ altra si limita a raccontarci le situazioni particolari, le cose avvenute. In altre parole Pedacchia ci parla di architetture e di spazi che “potevano” essere, ma di cui la storia ci ha privati, ci ricorda attraverso la sua particolare declinazione architettonica che siamo nel campo dell’ arbitrio, offrendoci una lettura complessa e ponendoci  di fronte alle nostre personali e numerose interpretazioni. In fondo questo è il motivo della maggiore incomprensione delle opere di Pedacchia: il suo lavoro non indica una formula (ed infatti abbiamo sempre parlato di metodo), un’ unica e sicura strada da battere a ritroso; al contrario in maniera molto meno didattica e più poetica veniamo lasciati soli davanti alla storia e alle infinite pieghe di una immaginazione instabile e mutevole. Una fantasia che si manifesta in forme che esprimono un ingegno a tratti sovversivo, e in colori spesso eccessivi ed esuberanti, quando il più delle volte si sarebbe potuto lasciar fare ai giochi di luce ed ombre, sfruttando basi neutre color grigio canna di fucile. Per fare un parallelo, l’ opera di Franco Pedacchia credo appartenga ad un genere “letterario” singolare tanto quanto sconosciuto alla maggioranza. George Steiner ne “I libri che non ho scritto” ce ne parla:  “[…] Questo genere risale all’ Anatomia della malinconia di Robert Burton (1621), se non addirittura a prima. E’ una forma barocca, un ibrido composto di erudizione minuziosa, di sapere arcano, di citazioni esoteriche e di una fantasticheria quasi anarchica. La pedanteria è sfrenata. Ma lo stesso vale per l’ allegorico e per l’ emblematico, la materia di cui sono fatti i sogni. I testi che appartengono a questo genere hanno in comune tra loro tratti inconfondibili. Sono poliglotti, stracolmi di elenchi, di cataloghi e di tassonomie. Il sapere –questo è l’ elemento chiave- abbonda talmente di dettagli, è così compatto da rendersi completamente autonomo. Dà vita ad elaborazioni e a costruzioni che vanno ben oltre l’ argomento a cui direttamente si riferiscono. Mescola il dato tecnico con l’ apertura visionaria. E’ un’ erudizione talmente frenetica, così <<autistica>> da creare dei mostri, allegri e minacciosi al tempo stesso. Sotto la lente del microscopio si accendono arcadie e incubi[…]” E ciò avviene nella consapevolezza che tutto intorno a noi scorre, e che siamo come naufraghi nell’acqua. Spesso pensando a Franco Pedacchia, mi sovviene l’ antico verso Rari Nantes in gurgite vasto, e immagino l’ architetto che è in lui indaffarato a costruire la sua piccola imbarcazione recuperando i relitti del tempo: il mare o meglio il fiume in cui si naviga è Vita, e le rive di questo fiume sono chiaramente la Morte, ove il flusso si arresta. Tra i tanti che cercano di sopravvivere alcuni sono  poveri derelitti su una zattera alla deriva che, moribondi, chiedono aiuto in lontananza, come rappresentato da Theodore Gericault ne “il naufragio della Medusa”,  altri galleggiano e si lasciano trasportare, i più audaci intraprendono la propria odissea e navigano per mete inesplorate, senza curarsi di corazzate e caravelle.

Nel mondo delle favole

marzo 22, 2010

Ricordando la risposta di Stefano Boeri al mio articolo “I costi dell’ architettura” mi viene in mente una riflessione di Edmondo Berselli che riporto in fondo.  Purtroppo credo che certi signori dimostrino che è più facile denigrare  e screditare l’ interlocutore piuttosto che riconoscere le proprie profonde contraddizioni morali. E’ quello che mi è capitato. Eppure all’ epoca del mio articolo la risposta già appariva spropositata dal momento che non era ancora “esploso” il caso Maddalena dal punto di vista giudiziario. La reazione forse dimostrava tensione. Ma ora capisco come certi signori, dispiaciuti di non aver avuto il ritorno mediatico che speravano, non si fanno scrupolo a sfruttare gli avvenimenti per un ritorno di immagine. E’ così che in un secondo momento e senza alcuna ipocrisia queste stesse persone riescono a proclamarsi vittime della situazione e contemporaneamente a sbandierare una presunta superiorità morale.  Tuttavia, a noi che disertiamo i salotti della Milano da bere, molti aspetti della vicenda ci appaiono poco chiari e mai realmente approfonditi da chi, chiamato in causa, aveva il dovere di farlo.

“Dire sonore bugie: è la tecnica da talk show inventata dagli spin doctor del centrodestra. Che funziona

Una delle tecniche da talk show inventate dagli spin doctor del centrodestra è semplice e irresistibile: dire sonore bugie. E poi ripeterle. Le bugie sono inconfutabili, anche perché ammutoliscono gli interlocutori; richiederebbero verifiche d’archivio, e in studio non c’è ovviamente né modo né tempo.”

Edmondo Berselli

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/nel-mondo-delle-favole/2120869/18

Effetto Magnete

marzo 2, 2010

Effetto magnete. Un Laboratorio per l’ ambito metropolitano della euro regione.

Ideazione e cura  di Luca Romano

contributi di: Giuseppe De Rita, Mario Carraro, Gianni De Michelis, Ercole Incalza, Sergio Bologna, Sergio Bolzonello, Cesare De Piccoli, Franco Migliorini, Corrado Diamantini, Agostino Cappelli, Greta Brugnoli, Luca Guido, Elena Marchigiani, Claudia Marcon, Luca Passador, Adriano Venudo.

List Laboratorio Internazionale Editoriale

www.listlab.eu

Chiarimenti da Stefano Boeri Architetti: riflessioni sulla Maddalena

febbraio 23, 2010

In omaggio a tutte le persone oneste che hanno lavorato ai progetti della Maddalena vi propongo alcuni preziosi chiarimenti ricevuti dallo studio Boeri. Rimango tuttavia ancora in attesa delle scuse per le menzogne scritte sul mio conto nella prima risposta a firma di Stefano Boeri (per ricostruire la vicenda: archivio G8-la Maddalena). In effetti senza il mio primo articolo-inchiesta, che ha preceduto lo scandalo giudiziario, oggi non avremmo neppure i seguenti chiarimenti.

Luca Guido


Caro Luca, ti rispondo ora a nome di Stefano Boeri Architetti. Metto in cc anche il Direttore Prestinenza Puglisi, chiedendo la pubblicazione di questo approfondimento, se lo riterrà interessante, al fine di fornire dati approfonditi ai suoi lettori. Le questioni rivolte personalmente a Stefano Boeri le affronterete tra voi, se sarà il caso, ma provo a far chiarezza sul ruolo dello studio e sugli importi delle opere, in quanto coordinatore generale del progetto per Stefano Boeri Architetti (e come co-curatore del libro Effetto Maddalena assieme a Francisca Insulza). Il testo è lungo perchè la vicenda è complessa e bisogna analizzarla nella sua totalità. Mi sono trattenuto il più possibile da valutazioni personali e considerazioni generali, sulle quali sarò felice di avere uno scambio di opinioni con te in un altro contesto o quando avremo occasione di vederci. Ciao Michele Brunello

1. Gli Incarichi:

Schema Sintetico degli incarichi a Stefano Boeri Architetti :

Dicembre 2007- Marzo 2008:  consulenza per la definizione degli assetti urbanistici ed architettonici per il Summit G8, per chiamata diretta da parte di Bertolaso e Soru, assieme a due colleghi.

Aprile- Giugno 2008: estensione della consulenza alla redazione del Progetto Preliminare dei lotti 4 e 5 dell’ex Arsenale Militare con incarico dalla Struttura di Missione

Luglio 2008- Maggio 2009: Incarico di Progettazione Architettonica Definitiva ed Esecutiva per i lotti 4 e 5 dell’Ex- Arsenale, con nomina da parte delle imprese che hanno vinto l’appalto integrato sul progetto preliminare andato in gara.

Ti riassumo alcuni passaggi della vicenda, di per se’ molto complessa, per andare un pò più a fondo sulle questioni.

Nel dicembre del 2007, insieme ad altri due colleghi (Mario Cucinella e Daniela Antonucci), Stefano Boeri è stato chiamato da Guido Bertolaso e da Renato Soru a svolgere una consulenza circa la definizione degli assetti urbanistici ed architettonici del Summit G8 programmato per Luglio 2009 a La Maddalena dal Governo Prodi (con un decreto del Settembre 2007). La condizione di urgenza era evidente, poichè mancavano solo 16 mesi all’evento e bisognava fare dei lavori enormi, e non c’erano i tempi per predisporre i progetti istruendo concorsi di idee e percorrendo un iter ordinario.

Si potrebbe facilmente obiettare che se se la politica si fosse mossa prima ci sarebbe stato più tempo e si sarebbero potuti predisporre i lavori con modalità ordinarie , oppure che si sarebbe potuto fare il G8 da un altra parte e cominciare la conversione dell’Ex Arsenale con i tempi e i metodi ordinari, ma queste sono valutazioni politiche nelle quali non penso vogliamo entrare in merito in questa sede.

Sul perché Boeri sia stato chiamato per questa consulenza, tieni conto che sia Bertolaso che Soru sapevano della prolungata esperienza di Stefano Boeri e dello studio nella progettazione di realtà portuali mediterranee. Negli ultimi 15 anni  ha lavorato moltissimo nelle aree portuali, elaborando progetti e piani per i porti di Genova, Napoli, Trieste, Cagliari, Salonicco e Marsiglia, senza contare molte altre realtà portuali minori come Mitilene, Siracusa, Castellamare. A Marsiglia sta progettando un Museo del Mediterraneo che ha molte analogie con i progetti per La Maddalena.  A questo bisogna aggiungere la dettagliata conoscenza dell’arcipelago di La Maddalena e degli assetti paesaggistici e territoriali della Sardegna, che possono aver suggerito la  scelta come consulente per la rapidissima riconversione programmata (immediatamente dopo il G8) dell’ex Arsenale della Marina Militare in un grande polo nautico polifunzionale.

Questa fase iniziale si è svolta a stretto contatto con Soru, Bertolaso e con i rappresentanti delle istituzioni locali e con altri esperti di grandi eventi; un lavoro che si è poi protratto – nell’aprile del 2008 – con un incarico di consulenza per la redazione del Progetto Preliminare per una parte centrale dell’ex Arsenale ( i lotti 4 e 5). Il programma riguardava i luoghi dove avrebbero dovuto lavorare le delegazioni, pensato come cuore del futuro polo nautico (lotto 4) e un hotel interno all’Arsenale (Lotto 5). Il discusso Hotel a 5 stelle dell’Ex ospedale Mlitare, di cui si parla molto nelle cronache a causa delle intercettazioni di Casamonti, è un altro progetto, redatto da altri progettisti – prima Facchini e poi Archea – in un altro sito all’esterno del perimetro dell’Ex Arsenale che non ci ha riguardato minimamente.

L’ incarico per questa  consulenza al Progetto Preliminare dei lotti 4 e 5 è stato formalizzato dalla Struttura di Missione (rappresentata da Angelo Balducci), braccio operativo della Protezione Civile e del Commissario per quanto riguardava le infrastrutture, che ha avuto funzione di  Stazione Appaltante dei Progetti Preliminari per i quali abbiamo fatto la consulenza. Le gare si sono svolte  tra Maggio e Giugno, e sono state bandite dalla Struttura di Missione (con imprese selezionate da una short list determinata dalle restrizioni relative alle garanzie tecnico-economiche e di qualificazione, oltre ai requisiti di sicurezza che le procedure imponevano). I progettisti sono stati nominati successivamente all’aggiudicazione e noi non conoscevamo nessuna delle imprese vincitrici.

Ad Agosto 2008 sono cominciate le opere (c’erano meno di 10 mesi per finirle e il lavoro era enorme), e siamo stati nominati dalle imprese vincitrici  Progettisti per il progetto Definitivo ed Esecutivo dei lotti per i quali avevamo fatto la consulenza del Preliminare (Anemone Costruzioni per il lotto 4 e Nuove Infrastrutture per il lotto 5). I motivi di questa chiamata possono essere vari, ma il più importante riguarda sicuramente la conoscenza del progetto che si andava a realizzare in virtù del nostro ruolo nelle fasi precedenti, oltre alla conoscenza del territorio e delle istituzioni locali; un aspetto cruciale in un lavoro da realizzarsi in tempi strettissimi.

Ti puntualizzo che l’incarico si limitava alla redazione delle relazioni e degli elaborati della parte architettonica, e al solo supporto all’impresa per i restanti documenti (i computi, i capitolati, i piani di sicurezza etc.). Questi sono sicuramente i limiti di un appalto integrato, perdipiù su Progetto Preliminare, che comprime eccessivamente il ruolo del progettista, ma anche questa è una questione da affrontare in altra sede.

In ogni caso eravamo anche esclusi da ogni ruolo di direzione lavori, direzione artistica, e coordinamento di cantiere. Ben consapevoli delle difficoltà e dei limiti del nostro incarico abbiamo cercato di svolgerlo al meglio. Nel corso dei 10 mesi a La Maddalena abbiamo fornito i disegni come da contratto, ma ci siamo preoccupati anche di seguire il cantiere, seppur senza poteri effettivi, al fine di mantenerne la qualità.

Come potrai leggere sul libro “Effetto Maddalena, uscito prima delle vicende di questi giorni , questi mesi di lavoro sono stati intensi e sfiancanti, con grandi conflitti con i vari soggetti coinvolti, e sono stati affrontati da noi con grande onestà intellettuale, professionale e materiale.

Ti basti pensare che Stefano Boeri ha coinvolto più di 50 giovani architetti ed ingegneri in quest’operazione, tra cui almeno cinque studi esterni (molti Sardi). Tutte queste forze si sono concentrate anche nell’ operare come una sorta di “ufficio tecnico” a disposizione del Comune di La Maddalena, affrontando e cercando di risolvere problemi e questioni relativi ad altre parti dell’arcipelago (come il Porto Storico e la zona dismessa di Punta Rossa), perché eravamo consapevoli che l’eredità di un grande evento deve essere diffusa su tutto il territorio in cui quest’ultimo si svolge.

La rendicontazione economica di questo approccio inclusivo e generoso, aggiunta al fatto che dobbiamo ancora essere saldati completamente delle imprese per i lavori svolti, ci fa essere ancora più arrabbiati. Mentre noi abbiamo lavorato per più di dieci mesi  giorno e notte da progettisti, assieme a 1600 operai che lavoravano su tre turni,  per un bilancio che si avvicina al pareggio, pare che alcuni personaggi pensavano ad arricchirsi o a scambiarsi favori personali.

L’ombra di discredito gettato sull’operazione de La Maddalena coinvolge, in una tragica semplificazione, gli sforzi di centinaia di persone che con il loro lavoro avevano pensato di aver compiuto un miracolo positivo. Siamo animati in questo momento da una grossa rabbia nei confronti delle persone che hanno discreditato e offuscato il nostro lavoro con dei comportamenti illeciti, e nei confronti di chi semplifica e fa “di tutta un erba un fascio”. E’ emerso che probabilmente questo sistema “gelatinoso”  ha lavorato sottotraccia vicino a noi, mimetizzandosi nelle Strutture dello Stato, all’insaputa nostra e di gran parte Protezione Civile.

Avevamo annusato qualcosa nell’aria? Sicuramente la procedure straordinarie suscitavano delle perplessità, ma erano solo accelerazioni delle procedure e non l’eliminazione delle stesse,  così come non era facile lavorare con la segretazione delle opere motivata da questioni di sicurezza legata alla presenza dei Capi di Stato. in ogni caso quelle erano le regole del gioco imposte e collaudate dalle istituzioni e dall’apparato dello Stato per il quale lavoravamo, e sicuramente non lasciavano trasparire il “milieu” criminogeno emerso da alcune intercettazioni. Ma anche queste sono valutazioni che forse dobbiamo fare un altra sede.

Spero, nonostante questa divagazione finale,  di aver chiarito la questione degli incarichi.
2. I costi delle Opere
Ecco le specifiche dimensionali dettagliate dei due lotti di cui ci siamo occupati:
Lotto 4 Casa e Padiglione del Mare (1 edificio nuovo e 4 recuperi): 15.642 mq

lotto4 edifici

Superfici

Casa del mare 2.230 mq
Sup. Coperta Padiglione del mare (Sup Utile 4657mq) 9.540 mq
Arcate dell’arsenale 2.700 mq
Stecca Impianti Centrali Generali 720 mq
Reparto Elettrico 452 mq
Superficie lotto 4 EDIFICI 15.642 mq
Superficie lotto 5 AREE ESTERNE E RETI GENERALI 48.476 mq

Lotto 5 Residenza dell’Arsenale (4 edifici nuovi e 1 recupero): 14.200 mq

lotto 5 Superfici
Superficie lotto 5 EDIFICI 14.200 mq
Superficie lotto 5 AREE ESTERNE E RETI GENERALI 36.521 mq

Ti premetto che sui costi non possediamo dati ufficiali finali poichè noi, in quanto progettisti, non ci siamo mai seduti ai tavoli che trattavano le questioni economiche tra committente, soggetto attuatore, direzione lavori e imprese. Tuttavia, per quanto di nostra conoscenza,  la vicenda dei costi delle opere si può riassumere in questi 2 passaggi.
1. I dati specifici sui lotti pubblicati ancora oggi sul sito della Protezione Civile a noi risultano essere gli importi previsti dai preliminari andati in gara d’appalto, comprese le maggiorazioni. Queste maggiorazioni, che hanno prodotto un aumento dei costi rispetto al prezziario della Regione Sardegna del 57% sono così suddivise e motivate: il 30% in ragione della condizione di lavoro in “un’isola nell’isola”, il 15% per un programma lavori per cui erano “previsti tre turni lavorativi” e di un 12% per il “rispetto del crono programma”. Le maggiorazioni sembrano uno degli elementi più discutibili e controversi dell’intera vicenda. In ogni caso sono state previste dalla stazione appaltante fin dall’inizio e applicate ai costi delle opere (non alle parcelle dei progettisti). Secondo i dati della DPC uno schema sintetico è quindi questo:

Lotto 4 Casa e Padiglione del Mare:

Totale di SLP costruita (1edificio nuovo e 4recuperi):15.642 mq

Importo da sito Protezione Civile :   € 52.100.000,00 Costo delle opere Euro /MQ:   3.330,78 €

Lotto 5 Residenza dell’Arsenale:

Totale di SLP costruita (4 Edifici nuovi e 1 recupero): 14.200 mq

Importo da sito Protezione Civile :   € 48.400.000  Costo delle opere Euro /MQ:   3.408,45 €
2. Se  fossero invece confermati i costi che abbiamo potuto visionare negli incartamenti del progetto durante le battute finali della vicenda (non avevamo incarico di redazione dei computi e non sedevamo ai tavoli di contrattazione ), a noi risulta un costo medio di circa 4.450 euro al metro quadro per gli edifici del lotto 4 e di circa 2.500 euro al metro quadro per i cinque edifici del lotto 5. Dati, attenzione, al netto delle maggiorazioni. Per le sistemazioni esterne e le reti infrastrutturali generali, il costo oscillia tra i 150 euro/mq del lotto 4 e di 60 euro/mq del lotto 5.  Non possiamo valutare i costi defintivi comprese le maggiorazioni perchè queste sono state oggetto di contrattazione ex-post tra il Soggetto Attuatore Prof. Calvi e le imprese, a seguito dell’art. 17 del decreto terremoto, che dava le linee guida (con effetto retroattivo) per risparmiare sulle opere del G8 a La Maddalena a seguito dello spostamento del Summit all’Aquila. Non sappiamo gli esiti precisi di questa contrattazione al ribasso, se non nella cifra totale di tutte le opere connesse al G8, che ha fatto scendere a 327 milioni il costo previsto  di 377 milioni di euro  (come da sito Protezione Civile). Ad essere sinceri non sappiamo se i 40 milioni di Euro sborsati dai gestori di MITA Resort (Gruppo Marcegaglia) dopo la gara di affidamento dell’Arsenale in concessione per 40 anni  siano stati inclusi in questo conteggio. Per lo stesso motivo, e poichè i computi scorporati li ha redatti e contrattati l’impresa, non sono a nostra disposizione i dati scorporati finali rispetto ai singoli edifici ma dobbiamo fare una media del lotto.

Queste tabelle che abbiamo ricostruito danno un idea di massima:

Costi lotto 4 EDIFICI mq 15.642 € 70.597.890,23 €/mq 4.450,00
Costi lotto 4 AREE ESTERNE E RETI GENERALI mq 48.476 €    7.591.691,19 €/mq 156,61
Costo lotto 5 EDIFICI mq 14.200 € 36.408.612,97 €/mq 2.563,99
Costo lotto 5 AREE ESTERNE E RETI GENERALI mq 36.521 €    2.399.557,50 €/mq 65,70

Per aggiungere degli ulteriori elementi sappiamo che c’era un trattamento particolare rispetto all’iva del Lotto 4 a differenza del lotto 5, e quindi la proiezione dei costi comprese maggiorazioni del 57% potrebbe essere di circa 100 ml di euro per il Lotto 4 (6390 €/mq) e di 60 milioni di euro per il lotto 5 (4200€/mq) , cifra che vediamo confermata da alcuni dati apparsi sui giornali. Tuttavia questa è una nostra proiezione in eccesso non confermata dai documenti in nostro possesso (i documenti indicano quanto lo schema sopra). Per quanto ci riguarda e per i documenti progettuali in nostro possesso possiamo solo dire che non ci risulta nessun “gonfiaggio” dei costi delle opere e nessuna irregolarità relativa alle opere di nostra competenza, fermo restando quanto detto sopra sulle maggiorazioni.
3. Le Persone
Ti allego qui sotto il colophon dell’operazione, che riguarda le sole persone coinvolte direttamente da Stefano Boeri e sulle quali, avendoci lavorato assieme, ci sentiamo di garantire la totale correttezza professionale, intellettuale e morale. Ti prego di tenerne conto pensando che, non riconoscendo anche i lati positivi dell’operazione, si discredita il lavoro di tutti questi architetti la cui età media è intorno ai trent’anni. Tutti noi siamo dei testimoni privilegiati per produrre dei punti di vista su quanto successo, e sarebbe bello confrontarsi, mentre trovo molto riduttivo “scegliere una parte” nel solito gioco degli schieramenti attaccando solo Boeri e non volendo creare un luogo di riflessione seria e esaustiva su quanto successo e quanto sta succedendo.

LA MADDALENA G8 project  – January 2008 /June 2009 Stefano Boeri Architetti
Architectural design Stefano Boeri With Michele Brunello (Coordinamento Generale) Davor Popovic (Responsabile Progetto Architettonico Main Conference e Area Delegati) Barbara Cadeddu  (Responsabile Progetto Interventi Extra Arsenale) 2+1 Officina Architettura (Responsabile Progetto Architettonico Definitivo Residenza dell’Arsenale) Vincenzo Vella (Responsabile Progetto Architettonico Esecutivo Residenza dell’Arsenale) Liverani / Molteni architets (ResponsabilI Progetto Architettonico Edificio Catering) Marco Brega (Direttore Studio Stefano Boeri)   And: Javier Deferrari (Main Conference, Area Delegati) Andrea Grippo (Masterplan e Sistemazioni Esterne, Area Delegati)   And with: Eugenio Feresin (Residenza dell’Arsenale) Marco Tradori (Residenza dell’Arsenale) Costantina Verzì  (Sistemazioni Esterne) Marco Dessì (Sistemazioni Esterne) Marco Giorgio  (Main Conference) Mario Bastianelli (Main Conference) Daniele Barillari (Visualizzazioni Main Conference, Area Delegati) Maurizio Burragato (Area Delegati) Andrea Barbierato (Area Delegati)   With the contribution of: Alessandro Agosti, Lorenza Baroncelli, Stefano Baseggio, Edoardo Boi, Walter Dejana, Kristina Drapic, Moataz Faissal Farid, Alessandro Gioffrè, Francisca Insulza, Inge Lengwenus, Piergiorgio Loi, Corrado Longa, Yari Marongiu, Stefano Onnis, Angela Parozzani, Fabrizio Piras, Chiara Quinzii, Davide Rapp, Sebastian Russi, Vittorio Secci.   Consultants Arredi e Sistemazioni Esterne: Maddalena De Ferrari e Andrea Balestrero A 12 Landscape: Emanuela Borio e Laura Gatti Consulenza Tecnica: Favero & Milan Illuminotecnica: Ferrara Palladino Video: Attu Studio Visualizzazioni Lotto 4: Stack Studios Visualizzazioni Lotto 5: Studio Cast & Ello  e Arch. Gianni Dedola Plastici: ON & OFF e Sebastiano Conti Gallienti Interior Design Hall e Presidential Suite Hotel: Antonio Marras con Stefania Beltrame

Tabella costi G8 e altre opere

febbraio 21, 2010

https://lucaguido.wordpress.com/2010/02/18/i-costi-dell%E2%80%99-architettura/

https://lucaguido.wordpress.com/2010/02/18/qualita-e-%E2%80%9Crisultati-positivi%E2%80%9Da-9000-euro-al-metro-quadro-replica-a-stefano-boeri/

1) “Vulcano Buono” a Nola (NA) di Renzo Piano (2007). Costo al mq pari a 1200 euro. Costo totale di 180 milioni di euro per un progetto che si sviluppa su un’area di 450.00 mq di cui 150.000 mq costruiti. Il complesso comprende un albergo, un ipermercato, un cinema multisala (9 sale per 2500 spettatori), una galleria doppia altezza, 150 negozi, ristoranti, bar, un centro benessere, una piazza esterna e 7000 posti auto (cfr. Wikipedia).

2) Fiera di Milano di Massimiliano Fuksas (2005). Costo al mq pari a 1400euro. Costo totale di 750 milioni di euro autofinanziati dalla Fondazione Fiera, per una massa critica dell’ intervento di 530.000 mq di superficie lorda pavimentata, su 2 milioni di superficie fondiaria sistemata (cfr. Repubblica 01/04/2005).

3) Museo Guggenheim di Bilbao di Frank Gehry (1997). Costo al mq pari a 3500 euro. Costo totale dell’ opera 132 milioni di euro da parte del comune di Bilbao, di cui 84 per la costruzione e per le opere di urbanizzazione, 36 per l’acquisto della collezione, 12 per entrare a far parte della Fondazione Guggenheim; 24.000 mq di superficie espositiva. Oltre 1 milione di visitatori l’anno, 5083 nuovi posti di lavoro, 30 milioni di euro all’anno di nuove entrate fiscali derivanti da Iva e Irpef e un incremento del PIL per l’intera Regione Basca calcolato nello 0,62% dopo solo due anni di attività (cfr. La Stampa 29/12/2000).

Questi primi tre casi mostrano i costi di due investimenti privati e un noto intervento pubblico realizzato in Spagna (il cui costo al mq. resterebbe attualizzato se si dovessero scorporare gli interventi di urbanizzazione). Ne possiamo dedurre dunque una grande attenzione all’investimento e alle sue ricadute economiche. Le opere citate inoltre hanno suscitato dibattito architettonico e l’attenzione della critica. Ma cosa succede in Italia sul fronte delle grandi opere e del Pubblico?

4) MAXXI a Roma di Zaha Hadid (2009). Costo al mq pari a 7100 euro (che si abbassa a poco meno di 3700 euro al mq se consideriamo che la cifra totale comprende anche la sistemazione degli esterni). Costo totale di 150 milioni di euro per un progetto di 21.200 mq di spazi interni, 19.640 mq di spazi esterni, 113.000 mc realizzati. Tra i 200.000 e i 400.000 visitatori previsti l’ anno (cfr. comunicati stampa MAXXI).

5) Palazzo delle conferenze e area delegazioni alla Maddalena -lotto4– di Stefano Boeri (2009).

Costo al mq pari a 9294 euro per le sole superfici costruite. Costo complessivo delle opere 100 milioni di euro circa secondo l’ ipotesi peggiore (70,5 milioni di euro da quanto ci è stato gentilmente comunicato dallo Studio Boeri); Sistemazione aree esterne e reti generali 48.476 mq (altri 7,5  milioni di euro sempre da quanto comunicato dallo Studio Boeri), Casa del mare 2.230 mq, Arcate dell’ arsenale 2700 mq, Stecca impianti centrali generali 720 mq, Reparto elettrico 452 mq, superficie coperta area delle delegazioni 9.540 mq, di cui 4657 mq di superficie utile costruita.  Se nel calcolo del costo/mq si tiene conto della copertura/tettoia dell’ area delegazioni, esclusi i 4657 mq che ricadono sotto la stessa copertura, il costo euro/mq è di 6390, con il risultato che copertura e pavimentazione sottostante hanno un’incidenza media superiore ai 6000 euro/mq). Per onore di cronoca informiamo che il costo al mq calcolato sul totale di 70,5 milioni di euro è pari a 6561 euro/mq per le sole superfici costruite e di 4500 euro/mq se consideriamo il totale della copertura.

Faccio presente che a questo intervento andrebbero aggiunte svariate decine di milioni di euro di spese “propedeutiche” e di bonifica, i risparmi ottenuti per il trasferimento del G8, e naturalmente i costi aggiuntivi per la riparazione dei danni avvenuti dopo 8 mesi di abbandono, tutte spese che chiaramente non ho conteggiato nel costo di costruzione.

Per gli ultimi due interventi è tuttavia obbligatoria una doverosa precisazione: il progetto del MAXXI è stato affidato alla Hadid a seguito della vittoria di un concorso, prevede delle considerevoli ricadute economiche, sociali e culturali e soprattutto è un’opera che simbolicamente doveva dimostrare l’interesse dello Stato centrale nei confronti del contemporaneo. Inoltre a difesa della Hadid vi è da precisare che la copertura finanziaria è arrivata scaglionata, comportando continui blocchi del cantiere e di conseguenza una riformulazione economica a causa dell’entrata in vigore della nuova normativa sismica.

L’intervento della Maddalena dimostra invece come i piani di gestione turistica possano diventare piani di spoliazione del territorio e di come i beni dello Stato si possano svendere ai privati dopo aver investito ingenti risorse. Le cifre in gioco nella vicenda G8 alla Maddalena mostrano uno Stato totalmente incapace di realizzare un effettivo sviluppo del territorio dilapidando viceversa pubblico denaro.

Nella sola area dell’arsenale sono stati spesi circa 200 milioni di euro per demolire, bonificare ed edificare.

Cosa ci faranno non è dato sapere poiché “la gestione dell’ex Arsenale se l’è invece aggiudicata, per 40 anni, la Mita Resort di Emma Marcegaglia. Un ottimo affare per il presidente di Confindustria, che ha messo le mani sulla struttura a un prezzo di saldo: 40 milioni allo Stato e 28 (in 40 anni) alla Regione Sardegna” (ed un passivo di oltre 100 milioni per la collettività)

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/02/02/news/maddalena_bertolaso-2160424/

Spero dunque che anche altri intervengano sulle reali questioni sollevate, fornendoci spunti di riflessione e magari informazioni sui costi dei propri progetti.

Operazione Maddalena: Zero posti di lavoro, 327 milioni di euro e miliardi di dubbi sui riscontri culturali dell’operazione Maddalena! Una spesa così ampia meritava un dibattito che non c’è mai stato.

Qualità e “risultati positivi”a 9000 euro al metro quadro? (Replica a Stefano Boeri)

febbraio 18, 2010

(“I costi dell’ architettura” è stato pubblicato in: http://www.presstletter.com/articolo.asp?articolo=2448 e si può consultare anche da questo blog, per leggere la risposta di Stefano Boeri al mio articolo “I costi dell’ architettura” vi segnalo il link: http://www.presstletter.com/articolo.asp?articolo=2459)


Quanta tristezza nel constare che un professore universitario come Stefano Boeri debba ricorrere ad una menzogna per confutare le idee di chi ha svolto un’inchiesta sui costi etici ed economici dell’architettura. L’insoddisfacente e, a mio giudizio, poco autorevole risposta rispetto ai reali argomenti da me trattati si riflettono in un immotivato (e, credo, ridicolo) attacco  personale. Replico brevemente:

-Non sono mai stato bocciato ad alcun esame (ma era forse questo l’oggetto del mio articolo?).

-La correttezza e la trasparenza di quanto da me riferito era garantita dai link agli articoli di Repubblica pubblicati nella loro consequenzialità cronologica. Tuttavia posso convenire sul fatto che il mio circostanziato articolo non si prestava a letture frettolose, sbadiglianti e/o annoiate.

-Paolo Berizzi, come risulta dal suo articolo del 02/02/2010, conferma pienamente quanto riferito in precedenza e racconta anche dei lavori di riparazione eseguiti dopo il suo servizio denuncia (tra cui la sistemazione di “uno dei portelloni laterali della Casa sull’acqua” -si riferisce forse alla struttura di rivestimento divelta dal vento?!-).

-L’opportunità di pubblicare le foto “live” con i ministri si è commentata da sola con la sparizione dal sito di Abitare del testo, delle osservazioni dei lettori e delle stesse foto.

A questo punto vorrei ritornare alle reali questioni sollevate dal mio articolo “I costi dell’architettura”.

Con le indagini in corso sugli appalti del G8, le problematiche trattate sono divenute a tutti più chiare: nonostante il dovuto garantismo, non resta che affermare che le procedure utilizzate alla Maddalena sucitino più di qualche perplessità.

Le indagini giudiziarie mi hanno turbato ed intristito, e credo che abbiano dimostrato la fondatezza di alcune preoccupazioni che avevo enunciato nel mio già citato articolo.

Purtroppo nessuno ci dirà perché in origine furono adottate speciali misure di riservatezza e segretezza (concesse dal governo Prodi e confermate da quello Berlusconi) e quali garanzie poteva dare ad esempio la chiamata in corsa di Marco Casamonti, professionista che appare coinvolto in operazioni poco chiare.

Tuttavia la figura di Casamonti ci permette di fare un ragionamento. Il personaggio è stato salutato fino all’anno scorso come il nuovo, anche dai giovanissimi, mentre risulta ora inquisito per corruzione e turbativa d’asta in altri due diversi processi (per quest’ultimo reato tra gli altri indagati figurano, a quanto e’ risultato dalle cronache dei giornali, membri di importanti studi): Sotto quali e quante vesti può essere ripercorso un disinibito approccio all’architettura?

Ci chiediamo se la forzata occupazione mediatica delle riviste di architettura e dei dibattiti non sia il primo passo per creare un sistema di consenso attorno alle complesse figure di direttore di rivista/professore universitario/architetto.

Nel recente passato siamo stati abituati a definire come corrotti, vecchi e sorpassati gli architetti che negli anni ’80 (collusi con il partitismo della Prima Repubblica) rappresentavano lo star-system italiano, ma il “nuovo” che avanza appare, per alcuni aspetti, molto peggio del “vecchio”.

Un discorso a parte meritano invece i costruttori edili: una questione su cui riflettere è come sia possibile che in Italia si affidino i destini di grandi opere pubbliche o di grandi trasformazioni urbane, anche di iniziativa privata, a delle modestissime società a “responsabilità limitata” mentre nella scelta dei progettisti il legislatore e le stazioni appaltanti si premurano di richiedere fatturati e capacità economiche spesso assolutamente fuori dalla portata della stragrande maggioranza dei liberi professionisti. A giudicare da quanto riporta la stampa, gli appalti della Maddalena sono stati affidati, per decine e decine di milioni di euro in condizioni di emergenza, a società che più che l’esperienza nel settore erano capaci di vantare conoscenze nel mondo dell’architettura e della politica e si sono conclusi col risultato, poco evidenziato dalla stampa nazionale, della beffa fraudolenta alle imprese sarde subappaltatrici che non sembra abbiano ricevuto le loro spettanze, come sfortunatamente è emerso da una interrogazione parlamentare degli onn. Scanu, Calvisi e Melis (cfr. Il Sardegna del 9 febbraio 2010).

Anche il potere da parte delle imprese di chiamare direttamente architetti progettisti, consulenti e direttori dei lavori ci appare oggi molto discutibile: se sotto il profilo procedurale tutto è stato fatto a norma di legge, dobbiamo pensare che i lavori si siano svolti anche secondo le “esigenze architettoniche” e le indicazioni delle varie figure professionali.

Dunque gli episodi di presunti aumenti dei costi nei progetti per la realizzazione del palazzo delle conferenze e dell’area delegati di 28 milioni di euro e per l’albergo di 70 milioni (come di dichiara telefonicamente a più riprese un compiaciuto Marco Casamonti) sarebbero vergognosi se la magistratura dimostrasse il coinvolgimento di altri tecnici.

http://www.corriere.it/cronache/10_febbraio_13/Appalti-e-costi-gonfiati-anche-del-50-per-cento-fioernza-sarzanini_0617359e-1870-11df-adbd-00144f02aabe.shtml

La professione e il mestiere dell’architetto sono oggi al centro della nostra discussione e le considerazioni sulle “ambiguità morali dell’architettura”, citate da Rem Koolhaas nel suo famigerato articolo sulla Maddalena, http://www.newitalianblood.com/index.pl?pos=02.00&item=1497&lang=it viceversa ne sono il doveroso contrappunto. Riflessioni geopolitiche che ricordano il gossip, valutazioni dell’edonismo berlusconiano, promozione mediatica e sbandieramento di superiorità morale ci appaiono oggi come mera spazzatura priva anche di qualsiasi valore informativo.

Mi avvio a concludere proponendovi una sorta di tabella commentata per un invito a riflettere sulle modalità di affidamento degli incarichi, degli appalti e naturalmente sui costi di costruzione.

1) “Vulcano Buono” a Nola (NA) di Renzo Piano (2007). Costo al mq pari a 1200 euro. Costo totale di 180 milioni di euro per un progetto che si sviluppa su un’area di 450.00 mq di cui 150.000 mq costruiti. Il complesso comprende un albergo, un ipermercato, un cinema multisala (9 sale per 2500 spettatori), una galleria doppia altezza, 150 negozi, ristoranti, bar, un centro benessere, una piazza esterna e 7000 posti auto (cfr. Wikipedia).

2) Fiera di Milano di Massimiliano Fuksas (2005). Costo al mq pari a 1400

euro. Costo totale di 750 milioni di euro autofinanziati dalla Fondazione Fiera, per una massa critica dell’ intervento di 530.000 mq di superficie lorda pavimentata, su 2 milioni di superficie fondiaria sistemata (cfr. Repubblica 01/04/2005).

3) Museo Guggenheim di Bilbao di Frank Gehry (1997). Costo al mq pari a 3500 euro. Costo totale dell’ opera 132 milioni di euro da parte del comune di Bilbao, di cui 84 per la costruzione e per le opere di urbanizzazione, 36 per l’acquisto della collezione, 12 per entrare a far parte della Fondazione Guggenheim; 24.000 mq di superficie espositiva. Oltre 1 milione di visitatori l’anno, 5083 nuovi posti di lavoro, 30 milioni di euro all’anno di nuove entrate fiscali derivanti da Iva e Irpef e un incremento del PIL per l’intera Regione Basca calcolato nello 0,62% dopo solo due anni di attività (cfr. La Stampa 29/12/2000).

Questi primi tre casi mostrano i costi di due investimenti privati e un noto intervento pubblico realizzato in Spagna (il cui costo al mq. resterebbe attualizzato se si dovessero scorporare gli interventi di urbanizzazione). Ne possiamo dedurre dunque una grande attenzione all’investimento e alle sue ricadute economiche. Le opere citate inoltre hanno suscitato dibattito architettonico e l’attenzione della critica. Ma cosa succede in Italia sul fronte delle grandi opere e del Pubblico?

Vediamo dunque se in Italia l’investitore pubblico ha la stessa capacità gestionale del privato:

1) MAXXI a Roma di Zaha Hadid (2009). Costo al mq pari a 7100 euro (che si abbassa a poco meno di 3700 euro al mq se consideriamo che la cifra totale comprende anche la sistemazione degli esterni). Costo totale di 150 milioni di euro per un progetto di 21.200 mq di spazi interni, 19.640 mq di spazi esterni, 113.000 mc realizzati. Tra i 200.000 e i 400.000 visitatori previsti l’ anno (cfr. comunicati stampa MAXXI).

2) Palazzo delle conferenze e area delegazioni alla Maddalena -lotto4– di Stefano Boeri (2009).

Costo al mq pari a 9294 euro per le sole superfici costruite. Costo complessivo delle opere 100 milioni di euro circa secondo l’ ipotesi peggiore (70,5 milioni di euro da quanto ci è stato gentilmente comunicato dallo Studio Boeri); Sistemazione aree esterne e reti generali 48.476 mq (altri 7,5  milioni di euro sempre da quanto comunicato dallo Studio Boeri), Casa del mare 2.230 mq, Arcate dell’ arsenale 2700 mq, Stecca impianti centrali generali 720 mq, Reparto elettrico 452 mq, superficie coperta area delle delegazioni 9.540 mq, di cui 4657 mq di superficie utile costruita.  Se nel calcolo del costo/mq si tiene conto della copertura/tettoia dell’ area delegazioni, esclusi i 4657 mq che ricadono sotto la stessa copertura, il costo euro/mq è di 6390, con il risultato che copertura e pavimentazione sottostante hanno un’incidenza media superiore ai 6000 euro/mq). Per onore di cronoca informiamo che il costo al mq calcolato sul totale di 70,5 milioni di euro è pari a 6561 euro/mq per le sole superfici costruite e di 4500 euro/mq se consideriamo il totale della copertura.

Faccio presente che a questo intervento andrebbero aggiunte svariate decine di milioni di euro di spese “propedeutiche” e di bonifica, i risparmi ottenuti per il trasferimento del G8, e naturalmente i costi aggiuntivi per la riparazione dei danni avvenuti dopo 8 mesi di abbandono, tutte spese che chiaramente non ho conteggiato nel costo di costruzione.

Per gli ultimi due interventi è tuttavia obbligatoria una doverosa precisazione: il progetto del MAXXI è stato affidato alla Hadid a seguito della vittoria di un concorso, prevede delle considerevoli ricadute economiche, sociali e culturali e soprattutto è un’opera che simbolicamente doveva dimostrare l’interesse dello Stato centrale nei confronti del contemporaneo. Inoltre a difesa della Hadid vi è da precisare che la copertura finanziaria è arrivata scaglionata, comportando continui blocchi del cantiere e di conseguenza una riformulazione economica a causa dell’entrata in vigore della nuova normativa sismica.

L’intervento della Maddalena dimostra invece come i piani di gestione turistica possano diventare piani di spoliazione del territorio e di come i beni dello Stato si possano svendere ai privati dopo aver investito ingenti risorse. Le cifre in gioco nella vicenda G8 alla Maddalena mostrano uno Stato totalmente incapace di realizzare un effettivo sviluppo del territorio dilapidando viceversa pubblico denaro.

Nella sola area dell’arsenale sono stati spesi circa 200 milioni di euro per demolire, bonificare ed edificare.

Cosa ci faranno non è dato sapere poiché “la gestione dell’ex Arsenale se l’è invece aggiudicata, per 40 anni, la Mita Resort di Emma Marcegaglia. Un ottimo affare per il presidente di Confindustria, che ha messo le mani sulla struttura a un prezzo di saldo: 40 milioni allo Stato e 28 (in 40 anni) alla Regione Sardegna” (ed un passivo di oltre 100 milioni per la collettività)

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/02/02/news/maddalena_bertolaso-2160424/

Spero dunque che anche altri intervengano sulle reali questioni sollevate, fornendoci spunti di riflessione e magari informazioni sui costi dei propri progetti.

Operazione Maddalena: Zero posti di lavoro, 327 milioni di euro e miliardi di dubbi sui riscontri culturali dell’operazione Maddalena! Una spesa così ampia meritava un dibattito che non c’è mai stato.

I costi dell’ architettura

febbraio 18, 2010

I costi dell’ architettura

(il presente articolo è stato pubblicato in: http://www.presstletter.com/articolo.asp?articolo=2448 )

Il 28 gennaio Repubblica titola “Il flop della Maddalena. Dal G8 all’ abbandono” http://www.repubblica.it/politica/2010/01/28/news/g8-maddalena-2101455/ .L’ articolo a cura di Paolo Berizzi e Fabio Tonacci  precisa la situazione: soffitti crollati, cavi a vista e infiltrazioni d’ acqua, oltre 320 milioni di euro buttati e zero posti di lavoro. Lo stesso giorno la Protezione civile emette un comunicato stampa  in cui non smentisce http://www.protezionecivile.it/cms/view.php?dir_pk=9&cms_pk=17445, ma parla di notizie inesatte e convoca i rappresentanti della stampa nazionale ed estera a prendere visione dei luoghi per il giorno 2 febbraio accompagnati  dal Capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, dal Presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, e dall’architetto progettista, Stefano Boeri. Dopo l’ incontro, il giornalista Berizzi conferma quanto precedentemente scritto http://www.repubblica.it/cronaca/2010/02/02/news/maddalena_bertolaso-2160424/ . Le notizie sono ribadite anche da un servizio di Sky TG (il TG1 invece, il 2 febbraio sera, inquadra la vicenda come un grande successo dell’ operosità di Bertolaso).

Ora se volessimo guardare alla vicenda con l’ occhio indagatore del critico di architettura la polemica potrebbe lasciarci indifferenti se non fosse per le cifre in gioco (parliamo in totale di 327 milioni di euro) http://www.g8italia2009.it/G8/Home/LaSedeDelVertice/LaSedeOriginaria/G8-G8_Layout_locale-1199882089535_InterventiCosti.htm e per l’ atteggiamento dello stesso Boeri che qualche mese or sono aveva chiamato il suo amico Rem Koolhaas a difesa di “limpide ambizioni”.L’ articolo scritto da Koolhaas , già rifiutato dalla rivista Domus, ha trovato asilo nell’ ultimo numero di Mark,  e per chi volesse leggerlo in italiano, per cercare di comprendere i motivi del rifiuto alla pubblicazione, è disponibile a questo link: http://www.newitalianblood.com/index.pl?pos=02.00&item=1497&lang=it

Boeri viene spinto nel teatrino della politica italiana da un trampolino internazionale: è lo stesso Koolhaas che ci informa che Boeri “ha dovuto lavorare in un Paese” (si fa riferimento ad una qualche costrizione che ci sfugge?) ove le architetture del Ventennio  “ci ricordano quotidianamente le ambiguità morali dell’ architettura”.

Così oltre  agli esorbitanti costi economici dell’ intervento dobbiamo subire anche tali amenità.  Naturalmente Koolhaas non ci spiega come mai opere architettoniche caratterizzate da finanziamenti faraonici, e da sforzi progettuali e realizzativi impressionanti per le tempistiche, abbiano piccoli difetti –forse neppure ammissibili in opere di importo molto modesto- che le espongono dopo soli 8 mesi ad un circostanziato e repentino degrado. Koolhaas non ci spiega come mai non si trovi “un imprenditore che sia interessato a questa cattedrale inutilizzata: l’ultima gara, il 23 settembre 2009, è andata deserta. Perché così com’è stato realizzato, di fronte al mare ma senza un accesso al mare, senza una spiaggia né una banchina né un camminamento, e anzi con uno scarico fognario proprio lì davanti, l’hotel non può fare gola a nessuno” (vedi articolo di repubblica) e come mai noi contribuenti  italiani dobbiamo subire una svendita di beni nuovi e praticamente rimasti inutilizzati.

“La gestione dell’ex Arsenale se l’è invece aggiudicata, per 40 anni, la Mita Resort di Emma Marcegaglia. Un ottimo affare per il presidente di Confindustria, che ha messo le mani sulla struttura (Mita Resort è stata l’unica a partecipare al bando) a un prezzo di saldo: 40 milioni allo Stato e 28 (in 40 anni) alla Regione Sardegna” (vedi articolo di repubblica).

Ancora Koolhaas, che forse avrebbe voluto sancire l’ ingresso del collega nel privilegiato mondo delle archistar, non ci spiega come sia stato affidato l’ incarico a Boeri e come mai agli altri architetti italiani sia richiesto, prima di avere un incarico, di partecipare a un concorso, di mettere a confronto le proprie idee con quelle degli altri, spesso di misurarsi in dibattiti col pubblico ed in incontri con gli amministratori,  come mai agli altri architetti sia necessario dimostrare la fattibilità economica dell’ intervento e i risparmi ottenuti rispetto ad altre soluzioni, come mai a volte sia richiesto di presentare il proprio fatturato e l’ elenco dei lavoratori dipendenti e infine come mai agli architetti comuni sia dato obbligo di fare un consistente ribasso sulla parcella. Ma i dittatori della somma urgenza impongono le loro regole al di sopra di tutto e gli ordini professionali tacciono. Non vorrei sembrare uno sprovveduto:  al sistema delle gare e dei concorsi si potrebbe anche affiancare il sistema degli incarichi fiduciari (intendo oltre la somma urgenza e gli appalti gestiti dalla protezione civile), con qualche limitazione e meno ipocrisie, ma soprattutto evidenziando una chiara presa di responsabilità da parte dei politici committenti, responsabilità che spesso non intendono assumersi.

Vorrei aggiungere un’ ulteriore riflessione alla vicenda e al famigerato articolo pro-Boeri chiamato in causa: mentre Rem Koolhaas  meditava sull’ edonismo di Silvio Berlusconi, aggiungendo che gli edifici di Boeri erano in qualche modo stati compromessi eticamente dal cambio di governo (e non si trattiene dal citare Renato Soru e Romano Prodi, quali reali anime del progetto G8 alla Maddalena), Boeri dava il via libera alla pubblicazione sul sito internet di Abitare, di articoli e fotografie riguardanti i suoi edifici alla  Maddalena.

Nulla di grave direte, ma questa volta diamo ragione a Koolhaas: ci sono opere che “ci ricordano quotidianamente le ambiguità morali dell’ architettura”,  e qualcuno potrebbe aggiungere “le ambiguità morali degli architetti”.

Boeri, lontano da tali ambiguità, per illustrare al meglio sulla propria rivista i suoi edifici “dal vivo”, decide così di pubblicare le foto dei ministri Tremonti, Frattini, La Russa, Maroni e altri durante un meeting nella sua “Casa del Mare” http://www.abitare.it/highlights/live-from-maddalena/

Quando però alcuni lettori gli fanno notare dell’ opportunità di tale pubblicazione -spicca l’ autorevole commento di Gennaro Postiglione-, Boeri si scusa e parla di un fraintendimento in redazione  e di una deroga.  Pochi giorni fa un’ altra deroga,   http://www.abitare.it/highlights/mineral-geopolitics/ per pubblicizzare un libro sull’ argomento(ed. Abitare Segesta)  con i testi, tra gli altri, di Guido Bertolaso e Renato Soru. Già il giorno 11 Settembre 2009 Postiglione si domandava :  “Perché dunque spingersi così avanti dando l’impressione di trasformare la rivista in un organo di comunicazione interna?”.

La domanda evidentemente è suonata come inutile e retorica.

A questo punto, dichiarata una certa indignazione nei riguardi della vicenda, voglio precisare la mia opinione riguardo alle opere progettate da Boeri alla Maddalena: nessuna conquista per la storia dell’ architettura, nessun avanzamento tecnologico, grande professionismo nel rispettare tempi di consegna progetto e realizzazione (ci si sarebbe dovuti meravigliare del contrario). Resta il fatto che le somme spese avrebbero dovuto produrre un dibattito culturale ben più ampio del risultato ottenuto.

Quelli che si stupivano per i costi delle nuove architetture romane di Meier e della Hadid, dopo aver letto quanto sopra probabilmente saranno impalliditi.

Spero che da ciò si possa trarre una morale e si possa guardare con più rispetto al lavoro dei colleghi esteri e con maggiore attenzione verso le operazioni “italiane” sbandierate come qualità. Tra le altre cose mi riferisco anche al caso poco noto della ricostruzione di Cavallerizzo, frazione storica di Cerzeto, comune della provincia di Cosenza. La Protezione civile in seguito ad una frana e al crollo di una decina di case, trasferisce forzatamente i cinquecento residenti non senza polemiche, recinta la frazione e la dichiara zona off-limits. Bertolaso in persona annuncia che il paesino va ricostruito da zero, delocalizzato, e pace alla memoria. 52 milioni di euro di importo lavori e progetto affidato ad Annalaura Spalla con i 5+1 per il preliminare (gruppo composto così come era già accaduto per il modestissimo progetto che avevano già elaborato per la ricostruzione di San Giuliano di Puglia). Sarà un caso: le unità edilizie sembrano riciclare un certo “realismo magico”, molto reale e poco magico, ma soprattutto già visto.

Ad ogni modo tra poco termineranno i lavori di un normalissimo cantiere, gli abitanti avranno delle nuove case, forse finalmente saranno contenti anche gli scontenti, e noi tutti presto ci sorbiremo lezioni di etica e di progettazione, di come l’ architettura risponde alle emergenze, ecc. ecc.

Forse invece vorremmo sapere con che criteri vengono chiamate queste persone e come mai non vige un criterio di rotazione degli affidamenti degli incarichi. Questa è trasparenza e qualità?

Caso diverso è stato il MAXXI di Zaha Hadid, costato 130 (?) milioni di euro tra mille polemiche e un cantiere lungo dieci anni. Non dimentichiamo infatti  che la Hadid è risultata vincitrice di un concorso, ed anche se l’ opera non è annoverabile tra i grandi capolavori, il suo museo è una ottima opera di architettura, soprattutto in raffronto allo sconsolato panorama nostrano. La Hadid è stata capace di progettare spazi interni particolarmente emozionanti per il modo in cui riescono a coinvolgere lo spettatore nel gioco fluido e dinamico delle luci.

Io mi auguro che il MAXXI possa entrare in funzione al più presto e rimanere attivo con molteplici iniziative dedicate all’ arte contemporanea.

L’ utilizzo delle opere: Ecco un tema su cui Boeri e Koolhaas avrebbero dovuto farci riflettere: committenti incapaci di gestire le architetture che fanno realizzare, politici disinteressati ai danni che ignobili vandali infliggono ai beni pubblici, committenti incapaci di operare con trasparenza.

Non dovrebbe essere possibile che ci siano politici che indicano concorsi per sbandierare qualità e millantare amicizie nel mondo dell’ architettura senza poi darvi alcun seguito realizzativo, non è ugualmente ammissibile che i politici lascino porzioni di città e di territorio in stato di degrado e di abbandono.  Non è ammissibile che si sperperino 600.000 euro per l’ inaugurazione di un’ opera pregevole come l’ Auditorium di Niemeyer a Ravello quando si sarebbero potuti proporre altri piccoli esperimenti architettonici sul territorio.

Ma i politici ci trattano come pecore e possiamo immaginare come l’ adulazione sia una tentazione forte quando si raggiungono certi livelli di conoscenze.

Non ci resta che ricordare almeno la coerenza di Massimiliano Fuksas quando non volle partecipare accanto al presidente del consiglio durante l’ inaugurazione della Fiera di Milano.

Concludo con un suggerimento e un invito a guardare i video postati a questo link   http://www.youtube.com/watch?v=l8xTzZUogD4 .

Si tratta di una simpatica e nota trasmissione televisiva con oggetto la costruzione e l’ architettura della Città della cultura di Santiago de Compostela, progettata da Peter Eisenman. Il progetto a qualcuno potrà anche non piacere, ma è indiscutibile che l’ architettura presentata nel video ha richiesto un accrescimento culturale, uno sforzo economico, tecnologico e costruttivo tale da far diventare il cantiere un grande laboratorio. Una risorsa economica e culturale per tutti, un’ ulteriore opera architettonica simbolo della contemporaneità di cui la Spagna si è voluta dotare.

Ci piacerebbe vedere qualcosa del genere anche in Italia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: