Primo Levi…cosa pensa lei dei giovani?

gennaio 24, 2012

I giovani di oggi, a giudicare dalle esternazioni più ricorrenti della politica, sono solo dei bamboccioni, dei raccomandati, degli sfigati … come li definisce un recente abusivo del governo italiano in tempi di democrazia tecnica. Sono proprio questi retori del disimpegno sociale che dovrebbero meditare sui disincanti paternalistici.

—–

«Studente
Volevo sapere: cosa pensa Lei dei giovani d’oggi?

Primo Levi
Questa è la domanda che non manca mai. Penso che siano sotto un certo aspetto più fortunati dei giovani di ieri, perché almeno temporaneamente vivono in un mondo in pace, perché hanno accesso tutti o quasi tutti alla cultura, non parlo solo della scuola, penso ad una edicola di giornali. Oggi davanti ad una edicola di giornali c’è una scelta vastissima: si può scegliere di essere informati, di essere divertiti, di essere preparati. Penso alla facilità con cui oggi si viaggia, anche senza molti quattrini; oggi uno prende una bicicletta, un sacco da montagna prende e va, le frontiere sono tutte aperte, si può andare in qualunque parte del mondo. C’è comunque una contropartita ed è la difficoltà gravissima a cui assistiamo adesso e non solo in Italia, su quello che capita dopo la scuola ed è quello di trovare un lavoro. […]
Quanto ad un giudizio sui giovani d’oggi, se permettete lo rifiuto. Non credo che i giovani d’oggi siano diversi dai giovani di ieri come sostanza umana, credo che in Italia per lo meno siano migliori di noi perché i concetti fondamentali, quelli di cui si è parlato prima, della tolleranza, della democrazia, del diritto dell’uguaglianza nella disuguaglianza, siano molto più diffusi adesso di quanto non fossero 30 o 40 anni fa».
[Luciana Costantini, Orietta Togni (a cura di), Primo Levi, «Il gusto dei contemporanei», Quaderno n. 7, Banca Popolare Pesarese e Ravennate, 1990, p. 19]

Annunci

Una Risposta to “Primo Levi…cosa pensa lei dei giovani?”


  1. I giovani i giovani i giovani!
    “Giovane” è la parola con cui si ghettizzano nel perimetro degli innocui chi ha un’età inferiore ad una fissata in base alle esigenze. Si è giovani sotto i trent’anni, sotto i quaranta o sotto i cinquanta in base alle esigenze. Tu lo sai, io mi sento vecchio dentro.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: