Bene! ovvero il massacro dei classici.

dicembre 6, 2011

Ho conosciuto Carmelo Bene quando ero un giovane studente universitario. Ho imparato ad amare le sue dissacranti operazioni sui classici e nel suo dissenso, nelle sue operazioni di decostruzione, nelle sue “sovrapposizioni” ho visto come i sogni di una vita possano essere la vita stessa di una persona.

La poesia, non serve a comunicare, serve se stessa, non si pone il problema di spiegare, solo le vele si spiegano al vento. La poesia è essenzialmente un grande vuoto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: